Home > News su Android, tutte le novità > Il Google I/O 2023 si preannuncia più come un Google AI 2023

Il Google I/O 2023 si preannuncia più come un Google AI 2023

LaMDA 2

Il Google I/O rappresenta l’evento annuale in cui Google annuncia le novità legate ad Android e ai suoi servizi ma nel 2023 potrebbe quasi del tutto essere concentrato sull’IA.

L’ultimo progetto di OpenAI, ChatGPT, ha preso d’assalto Internet. È un chatbot in grado di rispondere a domande complesse con facilità e sicurezza (purtroppo spesso non troppo accuratamente) e le sue qualità potenzialmente dirompenti hanno spaventato Google. Dopotutto, perché sfogliare le pagine dei risultati di ricerca di Google quando potresti semplicemente chiedere a un chatbot una risposta rapida a una domanda? (qualcosa a cui Microsoft sta seriamente pensando integrando ChatGPT in Bing)

Secondo un rapporto, Google sta raddoppiando i propri sforzi di intelligenza artificiale per combattere i concorrenti in aumento come OpenAI e potrebbe introdurre un’intera pletora di nuove funzioni durante la conferenza degli sviluppatori di Google I/O 2023 a maggio.

Google, avanti tutta sull’AI

Google ha già dichiarato un “codice rosso” interno per elaborare una strategia per posizionarsi contro ChatGPT e prodotti AI simili. Sembra che la società si stia ora preparando ad accelerare molti dei suoi sforzi, con il New York Times che riporta che Google prevede di presentare presto una serie di progetti al pubblico.

Secondo la pubblicazione, la società prevede di rilasciare fino a 20 prodotti in quest’area quest’anno e dimostrerà una versione del suo motore di ricerca basata su chatbot. Tra i progetti che l’azienda potrebbe mostrare durante Google I/O 2023 c’è uno studio di generazione di immagini che “crea e modifica immagini”, nonché una terza iterazione dell’AI Test Kitchen dell’azienda, l’app che utilizza per testare le capacità di intelligenza artificiale in arrivo.

La pubblicazione ha svelato ulteriori progetti che potrebbero o meno essere presentati all’I/O 2023, e ne elenca alcuni:

  • “Shopping Try-on”: una funzione di YouTube che utilizza una tecnologia simile a un green screen per aiutarti a provare i vestiti senza uscire di casa;
  • “Maya:” uno strumento in grado di visualizzare le scarpe in 3D;
  • Uno strumento di riepilogo video che genera un altro video più breve;
  • Uno strumento per la creazione di sfondi per i telefoni Google Pixel;
  • Uno strumento creato per altre aziende per aiutarle a creare le proprie applicazioni AI.

Secondo quanto riferito, la società ha in mente anche uno strumento per gli sviluppatori che entrerà a far parte di Android Studio. Si chiama Colab + Android Studio e aiuterà gli sviluppatori a correggere il loro codice. Presumibilmente, scriverà anche il codice da solo quando richiesto.

Secondo quanto riferito, PaLM-Coder 2 è un altro progetto AI che va nella stessa direzione, completando e generando codice per gli utenti.

Rispetto ai prodotti OpenAI, si dice che i progetti AI di Google siano peggiori nell’evitare contenuti odiosi, razzisti, sessuali e tossici, che potrebbero ostacolare i piani di Google. Se l’azienda rilascia i prodotti troppo presto, potrebbe subire un contraccolpo pubblico proprio come Microsoft con il suo chatbot Tay che si è rapidamente trasformato in un servizio razzista e odioso grazie allo sforzo collaborativo dell’umanità.

D’altra parte, l’anno scorso Google ha fatto notizia con un dipendente ora licenziato che affermava che la sua intelligenza artificiale LaMDA 2 ha acquisito sensibilità, quindi i suoi sforzi di intelligenza artificiale non possono essere poi così negativi.

Se Google è in grado di superare questi ostacoli, Google I/O 2023 potrebbe rivelarsi più interessante di qualsiasi conferenza degli sviluppatori degli ultimi anni, che si è concentrata principalmente su cose più tangibili come Android, ChromeOS e altri prodotti Google esistenti.