Home > News su Android, tutte le novità > Google I/O 2022: Pixel 6a, Pixel Watch, Android 13 e tutte le novità annunciate

Google I/O 2022: Pixel 6a, Pixel Watch, Android 13 e tutte le novità annunciate

Il Google I/O 2022 è in svolgimento, con molti annunci per sviluppatori e consumatori. Mentre l’azienda di solito si concentra sulla sua comunità di sviluppatori durante l’evento di due giorni, il keynote principale è sempre pieno zeppo di nuove introduzioni di hardware e software garantite per cambiare il modo in cui gli utenti comuni usano i loro dispositivi, attuali e futuri, per gli anni a venire.

La conferenza di quest’anno non è stata diversa, con dozzine di aggiornamenti delle app, funzionalità migliorate e un’anteprima della lista di dispositivi imminenti dell’azienda per il resto del 2022. Inoltre, con sessioni approfondite su strumenti e trucchi di sviluppo nuovi e consolidati, ci sarà molto altro da imparare nei giorni a venire.

Tutte le novità del Google I/O 2022

Ecco le principali novità che sono state annunciate al keynote di apertura del Google I/O 2022:

Pixel 6a

Il Pixel 6 ha già un ottimo rapporto qualità-prezzo a $600, ma il Pixel 6a lo rende un affare ancora migliore. Dotato dello stesso Tensor SoC dei telefoni di punta dell’anno scorso, eguaglia il prezzo del Pixel 5a a soli $449. Sarà disponibile negli USA per il preordine il 21 luglio, con disponibilità in negozio il 28 luglio.

Teaser del Pixel 7

Google non si è accontentato di mostrare il suo prossimo smartphone economico, ma ci ha anche dato il nostro primo assaggio ufficiale dei Pixel 7 e 7 Pro di questo autunno. C’è molto altro da imparare nei prossimi mesi e, se la storia è indicativa, ci si può aspettare dozzine di fughe di notizie da qui ad allora.

Pixel Buds Pro

I Pixel Buds Pro di Google arriveranno questa estate. Non puoi lanciare un telefono senza dei nuovi auricolari TWS. Il prossimo set di TWS di Google sono i Pixel Buds Pro e possono essere preordinati il ​​21 luglio, lo stesso giorno del Pixel 6a, ma non sono affatto un set di budget. A $200, i Buds Pro competono con gli auricolari di fascia alta di Apple, Sony e Samsung, offrendo ANC e, con il lancio di Android 13 entro la fine dell’anno, audio spaziale.

Android 13 Beta 2

Sono trascorse solo un paio di settimane dal lancio della prima beta di Android 13, ma stiamo già ottenendo una beta completamente nuova e questa volta arriverà su smartphone di produttori terzi. Quasi una dozzina di aziende, tra cui OnePlus, Lenovo, Xiaomi e altre, sono a bordo con l’aggiornamento di oggi.

Google Pay è ora Google Wallet

Il tempo è una ruota. Non molto tempo dopo il rilancio di Google Pay sviluppato in Flutter negli Stati Uniti, il resto del mondo sta tornando a un nome della vecchia scuola che aveva abbandonato nel 2018: Google Wallet. Come servizio di portafoglio digitale, è in grado di archiviare carte di pagamento, carte d’imbarco, carte fedeltà, ID studente, abbonamenti per vaccini e molto altro.

È un’app più ampia rispetto alla versione aggiornata di Google Pay, motivo per cui gli utenti negli Stati Uniti e a Singapore avranno il supporto per entrambi i servizi. Nel frattempo, il resto del mondo verrà trasferito al nuovo Google Wallet quando verrà lanciato quest’estate.

Teaser dei nuovi Google Glass

L’azienda ha concluso il keynote iniziale con un teaser per gli occhiali AR, riportando in vita il sogno dei Google Glass. Non sappiamo molto su quando potrebbero arrivare sul mercato – Google ha descritto il progetto come un prototipo – ma è comunque uno scorcio entusiasmante del futuro.

Teaser del Pixel Tab

Da quando Android 12L è stato annunciato l’anno scorso, si poteva quasi percepire l’eventuale ritorno di Google ai tablet nell’aria. Come parte della sezione hardware del keynote I/O, la società ha anticipato un nuovissimo tablet alimentato dal Tensor SoC per il prossimo anno e, sebbene non ne sappiamo ancora molto, sembra allinearsi con quelle voci su Nest Hub degli ultimi due mesi. 

Matter

Nonostante una serie apparentemente infinita di ritardi, Matter è ancora sulla buona strada per il lancio entro la fine del 2022. È un nuovo standard interoperabile e universale pensato per costruire ponti tra tutti i dispositivi per la casa intelligente, permettendo di controllare tutto attraverso un’assistente a scelta.

Google è un grande sostenitore di Matter e sta ancora pianificando di aggiornare molti dei suoi dispositivi Nest in modo che diventino compatibili quando lo standard sarà finalmente disponibile, cosa che ha annunciato per la prima volta questa volta l’anno scorso. E con Fast Pair, collegare i dispositivi Matter alla tua rete dovrebbe diventare più facile che mai.