Home > News su Android, tutte le novità > Google fa un passo indietro su FLoC… E lo sostituisce con l’API Topics

Google fa un passo indietro su FLoC… E lo sostituisce con l’API Topics

Google rinuncia a FLoC ma lancia Topics

Google ha annunciato che non sostituirà i cookie con FLoC, il protocollo di tracciamento del browser Web creato per aiutare a fornire agli utenti contenuti pubblicitari personalizzati ma pesantemente criticato da molte aziende e attivisti della privacy. In sostituzione di FLoC, l’azienda tenterà di compiere la stessa missione senza troppe intrusioni con una nuova API soprannominata Topics.

L’API Topics è stata sviluppata da Privacy Sandbox, un gruppo di lavoro sugli standard web guidato dal team di Google Chrome (i quali hanno collaborato fortemente al progetto FLoC). Una bozza approssimativa è disponibile per l’ispezione su GitHub con dettagli specifici soggetti a modifiche. In breve, un servizio pubblicitario che desidera mostrare contenuti a un visitatore di un sito Web richiede l’API Topics, basata a livello di browser, e riceverà fino a tre interessi associati. Un interesse deriva da un pool di cinque argomenti principali di ciascuna delle ultime tre settimane più un argomento completamente casuale da aggiungere al rumore statistico.

Google API Topics

L’API può filtrare determinati argomenti da distribuire in base a determinate determinazioni, ad esempio il chiamante o il visitatore non ha utilizzato l’API per un certo periodo (i visitatori possono disabilitare l’API nelle impostazioni o utilizzando la modalità di navigazione in incognito) o semplicemente non consentendo determinati siti per vedere che un visitatore ha visto determinati argomenti.

Le storie di attualità degli utenti vengono generate misurando le visite ai siti Web tramite un modello di intelligenza artificiale “classificatore” che associa i nomi host del sito Web a uno o più argomenti determinati: l’API Topics non registrerà gli argomenti da un sito Web che non lo richiama e potrebbe non farlo quindi se il classificatore fallisce. L’elenco iniziale di argomenti conta più di 300, ma Google potrebbe adottarne centinaia in base agli standard del settore. Gli utenti possono anche rimuovere determinati argomenti dalla cronologia di navigazione, con Google che sta cercando consigli per escludere argomenti sensibili dall’API.

Google afferma che Topics offre ai visitatori un vantaggio sulla privacy con i livelli di randomizzazione, elaborazione locale dei dati e il filtraggio dell’API, fornendo comunque aigli inserzionisti pubblicitari un’idea sufficiente su come indirizzare e personalizzare i contenuti. Soprattutto, i fornitori di annunci non sapranno quali siti hanno visitato gli utenti.

Con questa nuova proposta, Google ha inscatolato il suo sostituto originale per i cookie di terze parti, Federated Learning of Cohorts. Esso avrebbe raggruppato gli utenti Web con comportamenti di navigazione simili in gruppi e avrebbe consentito ai fornitori di annunci di tenere traccia dei loro interessi generali per pubblicare annunci personalizzati, mescolandoli ogni settimana.

Gli sviluppatori Web, gli editori di browser e persino l’Unione Europea hanno sollevato molte critiche contro FLoC, dal momento che i fornitori di annunci potrebbero potenzialmente identificare gli utenti attraverso altri mezzi come l’indirizzo IP e registrare la partecipazione della loro coorte nel tempo per carpire più informazioni rispetto all’attuale sistema di cookie.

A luglio dello scorso anno, Google ha rimandato la distribuzione di FLoC su Chrome dall’autunno dello scorso anno fino al 2023 prima e fino al 2024 poi

VIA