Home > Recensioni Android > LG G3 vs LG G Flex 2, il confronto di AndroidBlog.it

LG G3 vs LG G Flex 2, il confronto di AndroidBlog.it

In casa LG le innovazioni non mancano mai; l’anno scorso fu presentato l’LG G3, tra i primi al mondo con schermo 2K, mentre poco più di un anno fa nacque il primo LG G Flex, seguito dal tanto chiacchierato G Flex 2 di cui vi abbiamo già parlato. Oggi abbiamo deciso di mettere a confronto questi due prodotti, con schede tecniche differenti e con design che, se non fosse per la curvatura, sarebbe anche molto simile. 

Ma in fin dei conti il tutto ruota attorno alle domande “conviene spendere questi 300 euro in più? Ci sono tutte queste differenze?”: scopritelo insieme a noi! 

Video confronto 

LG G3 sfida il G Flex 2, oppure il contrario? Chissà! In ogni caso, tutti i dettagli su questi due succosi smartphone li potete trovare nel nostro video confronto. 

LG G Flex 2 vs LG G3: le differenze 

Praticamente entrambi i device made in Korea sono prodotti in plastica; stessa qualità costruttiva e design per certi versi molto somigliante. LG G Flex 2 è curvo, molto curvo, contro l’LG G3 che certamente non gode di questa particolarità; le dimensioni sono molto simili e differiscono di pochissimi millimetri, così come il peso di circa 150 grammi per entrambi i device.

Sia il G Flex 2 che l’LG G3 montano un display da 5,5″ pollici, con la differenza sostanziale nella risoluzione dei due pannelli; LG G3, infatti, come dicevamo in apertura, si presenta con schermo 2K e con densità di pixel altissima (534ppi), mentre l’LG G Flex 2 si “ferma” al solito FullHD con un pannello P-Oled qualitativamente anche molto buono, e anche confrontato con G3 se la cava benissimo. 

Le schede tecniche, invece, sono leggermente differenti: se LG G3, infatti, si presenta con un più discreto Snapdragon 801 da 2,5GHz Quad-Core e 2GB (o 3GB, dipende dalla versione acquistata) di ram, l’LG G Flex 2 non ha rivali con il suo Snapdragon 810 Octa-Core e 2GB di ram che gli permettono di ottenere performance veramente strepitose. Ovviamente, però, la scelta del processore su G Flex 2 non è stata la migliore, ed il perchè ve lo abbiamo spiegato nella nostra recensione, per cui sotto determinati punti di vista risulta essere migliore l’ormai testato LG G3. 

Entrambi i dispositivi, poi, montano la medesima batteria da 3000 mAh ed ovviamente non riescono ad accompagnarci fino a sera entrambi, con il nostro uso medio intenso durante la giornata; LG G Flex 2, sicuramente a causa dello Snapdragon 810 molto poco ottimizzato ci conduce a circa le 17 con un uso intenso, mentre l’LG G3 a causa del display 2K molto esoso di energia arriva anche alle 18, ma con qualche piccolo accorgimento durante l’utilizzo (disattivare connessioni, localizzazione, ecc.).

Cosa differisce, dunque, superficialmente tra questi due dispositivi? La curvatura del G Flex 2 (che ne fa di lui un esemplare “unico”) e la verniciatura della scocca posteriore (che tra l’altro, su LG G Flex 2 possiede proprietà rigenerative in caso di piccoli graffi durante l’utilizzo) sono probabilmente ciò che noterete a primo impatti, perchè del resto nemmeno vi accorgerete.

Qui in basso, invece, per i più attenti ai dettagli tecnici ci sono le due schede tecniche messe a confronto, per farvi scoprire tutti quelli che sono i dettagli “dietro le quinte” di questi due device. 

VS
LG
G3
 LG
G Flex 2

Confronto fotografico 

Sostanzialmente ci troviamo di fronte alla stessa fotocamera; entrambe, sia su LG G Flex 2 che su G3 sono da 13 megapixel, entrambe possiedono un autofocus laser per lavorare meglio in notturna, ed entrambe possiedono un flash Dual Led. Sono praticamente identiche, ma come potete notare dagli scatti non lavorano allo stesso modo e ci troviamo con colori sicuramente più caldi con LG G3 e lo si nota dalla quarta fotografia, con lo sfondo giallo che è molto più spento nella foto scattata da LG G Flex 2.

La velocità di messa a fuoco è fulminea su ambedue i device made in LG, anche se i risultati sono differenti e spesso sarebbe meglio scattare con una messa a fuoco manuale, soprattutto su G Flex 2 dove potete vedere qui sotto qualche fotografia (la seconda, soprattutto) non del tutto messa a fuoco (ed ovviamente abbiamo scattato in modo manuale con entrambi gli smartphone). 

Le riprese video, poi, sono di ottima qualità con entrambi i dispositivi (fino alla risoluzione di 4K); con molta luce i risultati sono eccellenti, quando cala la sera invece la qualità scende ma rimane comunque accettabile ed in linea con gli altri top di gamma; nessun vincitore, dunque, in questa sezione fotografica, perchè lo scontro è ad armi pari. 

Confronto software 

Il software graficamente è identico in tutti e due gli smartphone; stessa interfaccia dello stesso produttore a bordo di entrambi. Android, qui, è in versione 5.0 Lollipop su LG G3, mentre su LG G Flex 2 la versione è 5.0.2; inutile dire che i cambiamenti sono praticamente inesistenti, dal momento che le due versioni non differiscono in nulla che salti subito all’occhio dell’utente medio (e nemmeno di quello più esperto). 

Screenshot_2014-11-10-14-10-10

 

I software sono abbastanza ottimizzati, anche se con un hardware del genere si potrebbero ottenere risultati decisamente migliori, ma comunque le prestazioni sono nella norma e non ci si può lamentare. Ogni tanto i sistemi vanno in blocco in qualche piccola operazione, ma ci si riprende subito e senza problemi. 

Uso quotidiano: chi vince? 

In realtà, vi starete chiedendo, c’è un vero e proprio vincitore in questo confronto? La risposta è “ni”, perchè come sempre non si può decretare un vincitore assoluto, considerando che non esiste un device migliore rispetto ad un altro, perchè a dettare una simile affermazione sono solo le nostre esigenze personali. In ogni caso LG G3 è sicuramente più indietro con la scheda tecnica, ma le prestazioni non ne risentono e sono del tutto all’altezza dell’LG G Flex 2; lo schermo è fantastico, la fotocamera è molto buona, e l’audio dell’altoparlante è fenomenale. 

Dall’altra parte, invece, LG G Flex 2 risponde con un design molto particolare che può non piacere (ma vi assicuriamo che utilizzarlo è un piacere assoluto), con una scheda tecnica che per quanto possa essere sulla carta superiore, praticamente dà pochissimi benefici: tasto dolente è il prezzo, ancora sulla soglia dei 600 euro o poco meno per un device che, oltre la curvatura, non possiede chissà quale peculiarità che ci possa convincere a spendere così tanti soldi. 

LG G Flex 2 vince per:

  • Design “curvo”
  • Ergonomia e grip migliori  

LG G3 vince per: 

  • Batteria
  • Display
  • Prezzo molto più vantaggioso