Home > Recensioni Android > Samsung Gear S – La nostra video recensione

Samsung Gear S – La nostra video recensione

x-samsung-gear-s-1-cover

Ormai è fuori di dubbio che questo 2014 sia stato l’anno degli smartwatch. Tuttavia qual è il più completo? quello con più funzioni?

Samsung prova a guadagnarsi  questo scettro con il suo ultimo nato: il Samsung Gear S. Uno dei pochissimi smartwatch ad integrare una sim e ad essere in grado di effettuare e ricevere chiamate.

Ma sarà davvero il re di questo tipo di dispositivi? Scopriamolo insieme nella nostra recensione. 

Video recensione

Cominciamo con il nostro video che mostra gli aspetti principali dell’utilizzo di questo smartwatch.

Unboxing

Il contenuto della confezione di questo Samsung Gear S vede un carica-batteria da parete, la basetta per la ricarica con integrata una seconda batteria, la clip per la rimozione del vano nano-sim e la classica manualistica rapida. Nient’altro è necessario per l’utilizzo di questo smartwatch.

x-samsung-gear-s-foto-1

Hardware

Molto completa la dotazione tecnica di questo Samsung Gear S: processore dual-core, 512 Mb di RAM, 4 GB di storage, ma anche sensore di luminosità, sensore di raggi UV, cardio-frequenzimetro e ovviamente una parte radio 3G perfettamente funzionante. Insomma, da questo punto di vista è davvero lo smartwatch più completo.

La parte telefonica (davvero strano parlarne, trattandosi di un orologio!) è comunque buona, la ricezione è sempre all’altezza della situazione, il vivavoce non è molto potente, date le dimensioni, anche l’interlocutore ci sente chiaramente solo se parliamo a distanza ravvicinata. L’effetto dato alle persone che ci osservano è quello del classico agente segreto! 

Scheda Tecnica Samsung Gear S

Display: 2.0 pollici  Amoled con risoluzione 360×480 pixel
SoC: (probabile) Qualcomm Snapdragon 400 1.0 GHZ dual-core (Krait)
RAM: 512 Mb
Storage: 4 Gb non espandibili
Batteria: 300 mAh + 160mah nella base di ricarica
Connettività: GSM dual band, UMTS dual band, Bluetooth 4.0, WiFi b/g/N
Extra accelerometro, giroscopio, bussola, sensore di luminosità, barometro, sensore raggi UV, sensore battito cardiaco, certificazione IP 67
Sistema operativo: Tizen OS
Dimensioni e Peso 58,1 x 39,9 x 12,5 mm, 84 Gr

Potete trovare ulteriori informazioni sul sito ufficiale Samsung a questo link. Il prezzo di listino di questo Samsung Gear S è di 399 euro, potete acquistarlo anche su Amazon.it.

Questo smartwatch è disponibile sia nero che bianco. 

Design, materiali, ergonomia

Il Samsung Gear S è un oggetto da vedere perchè la fotografia non rende giustizia:  sembra più “grosso e brutto” che dal vivo, dove restituisce un effetto davvero piacevole, più che un orologio sembra un “bracciale d’alta moda“. Davvero molto bella la curvatura del display e il bordo cromato, anche l’aggancio è pratico, facilmente regolabile per ogni tipo di polso.

Piacevole alla vista anche se l’alluminio lucido della chiusura potrebbe graffiarsi abbastanza facilmente. Certo rimane sempre un oggetto piuttosto ingombrante e il rischio di “picchiarlo” da qualche parte è alto, il peso invece è ben distribuito e il cinturino (intercambiabile solo con altri appositi Samsung) è di una plastica di alta qualità anche se tende a far sudare leggermente.

Un po’ scomodo il fatto di non poter mantenere il display sempre attivo perché a volte il movimento del polso non viene rilevato e leggere l’ora può risultare non immediato. 

Display

C’è poco da dire: il display di questo Samsung Gear S è probabilmente il migliore tra quelli che equipaggiano questo tipo di device. La definizione rende pressoché invisibili i pixel, ovviamente perfetti i contrasti e i neri così come l’angolo di visione. Ottimi anche i colori e la luminosità massima, magistralmente regolata dal relativo sensore, che permette un’agevole visione anche sotto la luce del sole. 

x-samsung-gear-s-foto-6

Software

Tizen OS a bordo di Samsung Gear S e purtroppo la compatibilità solo con alcuni modelli Samsung (Galaxy Note 4, Galaxy Note 3, Galaxy Note 3 Neo, Galaxy Note II, Galaxy S5, Galaxy S5 mini, Galaxy S4, Galaxy S4 Active, Galaxy S4 mini, Galaxy S III, Galaxy S III Neo, Galaxy Mega 6.3, Galaxy S4 zoom, Galaxy K zoom e Galaxy Alpha) limitano di molto le possibilità di diffusione di questo smartwatch, che però è in grado di svolgere compiti impossibili per gli altri device simili principalmente in 3 modalità selezionabili dal menù “connessioni”.

In modalità sempre attivo e smartphone e Gear collegati avremo:

  • Possibilità di leggere le notifiche delle SIM dello smartwatch e dello smarphone (segnalate con un simbolo differente) e per alcune anche rispondere (non molte purtroppo) 
  • Possibilità di effettuare e ricevere chiamate per entrambe le sim rispondendo a scelta dall’uno o dall’altro dispositivo 
  • Possibilità di inviare e ricevere SMS secondo la logica del punto precedente.

In modalità sempre attivo con smartphone e Samsung Gear S NON collegati, oppure in modalità connessione intelligente che attiva i dati della SIM dello smartwatch in caso di disaccoppiamento avremo:

  • Chiamate e messaggi effettuabili ugualmente dall’orologio
  • Possibilità di ricevere le notifiche dello smartphone mediante server e account Samsung grazie alla connettività dati (o wifi) del Gear
  • Possibilità di ricevere le chiamate dello smartphone sulla SIM mediante la deviazione chiamate dal numero dello smartwatch
  • Non potremo usare i sevizi di localizzazione e le app che richiedono interazioni con lo smartphone

Infine senza SIM all’interno del Samsung Gear S, in modalità rete sempre disattivo, o in modalità intelligente ma con smartphone accoppiato, avremo tutte le funzioni descritte in precedenza ma passando attraverso la parte dati del telefono e quindi non potremo fare nulla in caso di mancata connessione tra i due device se non ascoltare la musica e vedere le foto archiviate nella memoria dell’ orologio oltre, ovviamente, a quelle funzioni dipendenti dai sensori integrati come il contapassi, la frequenza cardiaca, ecc.

Altre funzioni degne di nota del Samsung Gear S sono la possibilità di utilizzare S Voice, S-Healt, cambiare quadrante e scaricarne di nuovi, monitorare il sonno e utilizzare applicazioni scaricabili dallo store mediante l’app Samsung Gear. Questa applicazione, oltre ad essere necessaria per l’attivazione dello smartwatch permette di gestire molteplici comportamenti del device, trasferire musica e foto, gestire le notifiche e le applicazioni installate sull’orologio.

Per quanto riguarda la struttura dell’ OS abbiamo gli swipe dalla home: verso destra per le notifiche, verso sinistra per i widget (un massimo di 5), dal basso per entrare nel drawer delle app e dall’alto per aprire i setting di volume e luminosità oppure per tornare alla schermata precedente. Presente anche il ritorno alla home mediante tasto fisico e il multitasking.

Infine un cenno alla fluidità di sistema che si rivela davvero molto buona e alla tastiera che, nonostante le dimensioni, grazie ai molteplici layout, permette le risposte alle notifiche (che lo supportano) utilizzando anche le dita abbastanza agevolmente, senza dover ricorrere alla voce.  Per ulteriori chiarimenti sull’utilizzo del Samsung Gear S fate riferimento al video ad inizio articolo.

Autonomia

Come abbiamo visto nel paragrafo precedente sono molte le modalità di utilizzo di questo Samsung Gear S e di conseguenza è differente anche la durata della batteria che varia dai quasi 2 giorni senza SIM sempre accoppiato allo smartphone  a poco più di mezza giornata in utilizzo “indipendente” sappiate quindi che se intendete utilizzarlo come “secondo smartphone” difficilmente riuscirete a coprire la giornata.

La batteria integrata nella base di ricarica aggiunge circa il 60% di carica ma risulta piuttosto scomodo l’aggancio, oltre al fatto di dover comunque portare questo accessorio sempre dietro se vogliamo poter caricare Gear S. 

Conclusioni

Samsung Gear S è sicuramente un prodotto molto completo ma, come abbiamo visto, ha anche delle importanti limitazioni: dall’autonomia alla mancata compatibilità con le notifiche di molte App. Decisamente buona invece la parte fitness e il design, oltre ovviamente a tutte le funzioni date dalla SIM integrata.

Tutto ciò vale il prezzo di acquisto? Come al solito dipende dalle vostre esigenze ì, in base alle quali questo smartwatch potrebbe essere l‘oggetto più utile del mondo oppure essere il massimo dell’inutilità. Fateci sapere cosa ne pensate in un commento, noi vi lasciamo alle nostre votazioni.

Pro

  • SIM per connettività "stand alone"
  • Design
  • Display

Contro

  • Dimensioni
  • Autonomia
  • Compatibilità con notifiche di App di terze parti

Ringraziamo il Vodafone Store Corso Italia “Nausica SRL” sito in Via Ratti a Savona per averci fornito questo Samsung Gear S 

Ormai è fuori di dubbio che questo 2014 sia stato l'anno degli smartwatch. Tuttavia qual è il più completo? quello con più funzioni? Samsung prova a guadagnarsi  questo scettro con il suo ultimo nato: il Samsung Gear S. Uno dei pochissimi smartwatch ad integrare una sim e ad essere in grado di effettuare e ricevere chiamate. Ma sarà davvero il re di questo tipo di dispositivi? Scopriamolo insieme nella nostra recensione.  Video recensione Cominciamo con il nostro video che mostra gli aspetti principali dell'utilizzo di questo smartwatch. Unboxing Il contenuto della confezione di questo Samsung Gear S vede…

Score

Hardware - 8.5
Display - 9
Design & ergonomia - 7.5
Software - 7.5
Autonomia - 5.5
Rapporto qualità/prezzo - 7

7.5

VOTO TOTALE

Conclusione : Funzioni uniche grazie alla SIM ma alcune limitazioni software e prezzo decisamente elevato!

8