Home > Giochi Android > I giochi con loot box avranno vita dura in UE

I giochi con loot box avranno vita dura in UE

Loot box gioco d'azzardo

L’uscita globale di Diablo Immortal la scorsa settimana ha sollevato recensioni contrastanti da parte della critica, con molti che sono rimasti irritati dal modo in cui Activision Blizzard ha implementato il suo arcano sistema di loot box (cosa che sul Play Store non dovrebbe nemmeno essere possibile). Non a caso, il gioco non è stato lanciato in Belgio e nei Paesi Bassi a causa delle leggi vigenti su questo genere di “gioco d’azzardo“. Ma presto queste leggi potrebbero essere estese a tutta l’Unione Europea.

Se non eravate a conoscenza del motivo per cui Blizzard ha escluso quei mercati dal lancio di Diablo Immortal, la società ha confermato ai media che la sua decisione è correlata “all’attuale ambiente operativo per i giochi in quei paesi“. La Gaming Commission belga ha condotto un’indagine nel 2018 mirata a giochi (FIFA ’18 di Electronic Arts tra gli altri), e ha trovato le loot box una forma di gioco d’azzardo illegale.

Nei Paesi Bassi, è stato lo stesso risultato, ma attraverso i tribunali: le autorità hanno inseguito EA per tale meccanismo nello stesso gioco e la magistratura ha convenuto che la società violava la legge sul gioco d’azzardo. Tuttavia, la società ha presentato ricorso e la più alta corte della nazione ha ribaltato la sentenza all’inizio di quest’anno.

Cosa questo significhi in definitiva dal punto di vista dell’applicazione e del mercato deve ancora essere determinato, ma per il momento rimane l’incertezza. Ciò non ha impedito a uno sforzo guidato dal Consiglio dei consumatori norvegese, tuttavia, di raccomandare un’azione legislativa contro le loot box non solo a livello locale e nazionale, ma anche dall’Unione Europea.

La commissione norvegese ha pubblicato un documento (PDF in inglese) che descrive in dettaglio due casi di studio, uno per FIFA ’22 e l’altro per Raid: Shadow Legends, in cui si afferma che il pubblico vulnerabile viene preso di mira da pubblicità appariscente, conversioni di valuta confuse, travisamento delle quote e alla fine viene presentato con il dilemma di dover giocare a lungo per raggiungere determinati obbiettivi oppure prendere una scorciatoia e pagare per vincere.

I quadri giuridici, suggerisce il documento, devono estendersi su un ambito geografico il più ampio possibile e devono affrontare le linee guida di progettazione dei giochi per i bambini. Il giornale è co-sponsorizzato dalle associazioni dei consumatori in altri 18 paesi europei, tra cui Francia, Germania, Italia e Spagna.

Considerando come le loot box abbiano generato entrate stimate per 15 miliardi di dollari per gli editori nel 2020, la posta in gioco è molto alta. Blizzard e il suo dipartimenti legale potrebbero avere in mente una controffensiva più ampia se l’UE iniziasse a organizzarsi attorno a questo sforzo. Alcune delle leggi sindacali esistenti sulla protezione dei consumatori sono in fase di valutazione e potrebbero essere modificate nel 2024.

VIA