Home > News su Android, tutte le novità > Gli smartphone Android più potenti del 2021 | AnTuTu

Gli smartphone Android più potenti del 2021 | AnTuTu

AnTuTu

AnTuTu ha appena pubblicato la classifica degli smartphone Android più potenti del mese di dicembre 2021 che, considerando che si tratta dell’ultimo mese dell’anno, può essere considerata anche la classifica degli smartphone Android più potenti di tutto il 2021. 

La classifica di AnTuTu è ancora dominata dagli smartphone con SoC Qualcomm Snapdragon 888 e 888+. Questo perché, seppur i primi modelli con lo Snapdragon 8 Gen 1 sono stati annunciati (Moto Edge X30 e Xiaomi 12), non sono ancora arrivati sul mercato. La stessa cosa la si può dire per gli smartphone con il Mediatek Dimensity 9000 e il Samsung Exynos 2200.

AnTuTu classifica dicembre 2021

La lista completa della Top 10 legata al 2021 comprende:

  • Black Shark 4S Pro (Snapdragon 888+) – 874,702 punti
  • Nubia Red Magic 6S Pro (Snapdragon 888+) – 852,985 punti
  • iQOO 8 Pro (Snapdragon 888+) – 845,580 punti
  • Vivo X70 Pro+ (Snapdragon 888+) – 837,109 punti
  • Oppo Find N (Snapdragon 888) – 836, 772 punti
  • iQOO 8 (Snapdragon 888) – 831,983 punti
  • Asus Rog Gaming Phone 5s (Snapdragon 888+) – 831,905 punti
  • iQOO Neo 5s (Snapdragon 888) – 825,706 punti
  • Motorola Edge S30 (Snapdragon 888) – 825,232 punti
  • Oppo Find X3 Pro (Snapdragon 888) – 825,047 punti

È interessante notare che, nella classifica qui sopra i primi quattro smartphone utilizzano lo Snapdragon 888+ (in totale sono 5) mentre cinque smartphone utilizzano il SoC Snapdragon 888. Stranamente Asus Rog Gaming Phone 5s è risultato leggermente meno potente di Oppo Find N e IQOO 8, nonostante abbia la versione Plus dello Snapdragon 888.

Ad ogni modo, ci aspettiamo che la classifica rimanga cristallizzata nel mese di gennaio, visto che sono necessari almeno 1000 test per poter entrare nella classifica di AnTuTu e la commercializzazione dei primi smartphone con Snapdragon 8 Gen 1 avverrà solamente alla fine di gennaio. Insomma, il vero stravolgimento lo vedremo, a nostro avviso, solo nel mese di febbraio 2022.