Home > News su Android, tutte le novità > YouTube nasconde il numero di “non Mi Piace” nei video

YouTube nasconde il numero di “non Mi Piace” nei video

Dopo aver agito per lo più sulle migliorie all’esperienza di visione degli utenti, YouTube ha annunciato che sta rendendo privato il “conteggio dei Non mi Piace” sui video su tutte le piattaforme. Ciò dovrebbe ridurre le probabilità che i creators di video vengano molestati e attaccati, riducendo anche il numero di “mob antipatia” che attaccano un video per ridurre il numero di visualizzazioni che riceverà.

YouTube ha sottolineato che non sta rimuovendo il pulsante Non mi piace dai video ma sta semplicemente impedendo al pubblico di leggere il numero di Non mi piace che un video ha ricevuto.

I creatori di contenuti saranno comunque in grado di visualizzare il numero di Non mi piace che uno dei loro video ha ricevuto in YouTube Studio proprio accanto ad altre analisi che rivelano informazioni sulla popolarità di determinati video sulla piattaforma.

All’inizio di quest’anno YouTube ha condotto un esperimento per determinare se nascondere il pulsante Non mi piace riducesse gli attacchi dei “mob antipatia” e riducesse anche le molestie ai creatori. Non tutti gli usi dei voti di antipatia visti pubblicamente sono negativi. Un numero elevato di tali pressioni potrebbe indicare agli utenti che un determinato video è clickbait.

Per ragioni simili, che riguardano le condizioni di salute mentale degli utenti di Instagram, un paio di anni fa quella piattaforma ha testato la rimozione del pulsante “Mi piace”. Ciò è stato fatto per ridurre l’enfasi degli utenti sulla raccolta di “Mi piace” invece di concentrarsi sul contenuto dei messaggi. Instagram e la sua società madre Facebook (ora Meta) hanno finito per restituire agli utenti la decisione di nascondere o meno il pulsante “Mi piace”.

YouTube sta cercando di proteggere i suoi creators nascondendo il “conteggio di non mi piace”

YouTube ha dichiarato a TechCrunch che la sua decisione di rimuovere il “conteggio dei non mi piace” non ha nulla a che fare con eventuali modifiche imposte loro da un’agenzia di regolamentazione. La mossa è stata fatta da YouTube per proteggere i suoi creatori. Grazie alla concorrenza della piattaforma di video in formato breve TikTok, YouTube si sente in dovere di proteggere i suoi creatori e ha avviato un fondo per di $ 100 milioni per dare un buon inizio alla propria piattaforma di video in formato breve.

In una dichiarazione, YouTube ha dichiarato: “Stiamo apportando in modo proattivo questo cambiamento perché YouTube ha la responsabilità di proteggere i creator, in particolare i creator più piccoli, da molestie e attacchi di antipatia“. 

VIA