Home > News su Android, tutte le novità > Fitbit Charge 3 si aggiorna, ecco le tante novità

Fitbit Charge 3 si aggiorna, ecco le tante novità

Fitbit Charge 3

Già considerato il miglior tracker dell’azienda e ulteriormente elogiato per la sua funzionalità generale e la lunga durata della batteria, il Fitbit Charge 3 è appena stato il protagonista di un muovo aggiornamento firmware che ha introdotto alcune interessanti novità.

L’aggiornamento è in fase di rilascio in maniera controllata, ovvero a scaglioni in base ai vari mercati. Sembra inoltre che i primi che possano installare l’aggiornamento siano coloro che cercano di configurare il Fitbit Charge 3 per la prima volta, sebbene tutti gli utenti possano aspettarsi di farlo “presto”.

Fitbit dice che sta gradualmente rilasciando le nuove funzionalità per “monitorare le prestazioni da vicino e apportare le modifiche, se necessario.”

Una delle funzioni più interessanti riguarda la possibilità di eseguire e ricevere chiamate quando connesso allo smartphone mediante Bluetooth. Non si tratta certo della stessa cosa di avere un paio di auricolari connessi allo smartphone in termini di qualità audio ma è comunque una funzione supplementare ben accetta.

Fitbit Charge 3

Forse ancora più importante, Fitbit Charge 3 può ora essere utilizzato per inviare “risposte personalizzate con messaggi di testo da determinate app.” Questa funzionalità delle “risposte rapide” è disponibile esclusivamente se lo si utilizza in accoppiata a uno smartphone Android, anche se la maggior parte delle altre funzionalità sono supportate pures su iOS.

Ultimo ma non meno importante, l’aggiornamento del software consente finalmente i pagamenti da polso sfruttando Fitbit Pay. Purtroppo ciò non è ancora possibile in Italia, in quanto il servizio non è stato lanciato con le banche nostrane.

A questo proposito, prima di lasciarvi vi vogliamo ricordare che Google Pay è finalmente giunto in Italia, permettendo pagamenti contactless con gli smartphone (sia Android che iPhone) di qualunque brand che abbiano un chip NFC e in futuro pagamenti P2P mediante QR Code.

VIA