Home > Recensioni Android > Motorola Moto X: la recensione di Androiblog.it

Motorola Moto X: la recensione di Androiblog.it

Dopo aver lasciato qualche indizio la settimana scorsa con il video focus sui comandi vocali di Motorola Moto X ora siamo pronti ad effettuare la nostra recensione completa di questo fantastico terminale che arriverà ufficialmente sul mercato italiano a partire dal mese prossimo ma che è comunque già possibile acquistare online a prezzi decisamente contenuti come vi abbiamo segnalato in questo articolo.

Motorola Moto X avrà un prezzo ufficiale di 399 euro, anche se lo potete trovare anche a meno online. Confrontando questo prezzo di listino con quello degli attuali top di gamma e quindi HTC One, LG G2, Galaxy S4 e Nexus 5 appare subito evidente come solo il Nexus possa garantire un rapporto qualità/prezzo migliore del Moto X anche se come vedremo dalla recensione i 50 euro in più sono assolutamente meritati grazie ad alcune features esclusive.

Recensione Motorola Moto X

Unboxing

motorola moto x

Iniziamo questa recensione con l’unboxing del Motorola Moto X. Il dispositivo che stiamo testando non è un sample, ma un dispositivo regolarmente acquistato su Amazon per cui quella che segue è la descrizione della confezione di vendita che accompagna il Motorola Moto X.

Nella scatola troverete:

  • Motorola Moto X
  • Cavo dati microUSB/USB
  • alimentatore da parete
  • manualistica rapida (non viene fornito un vero e proprio manuale utente)
  • spilletta per rimuovere la NANO sim.

Mancano gli auricolari e questo è un po’ un punto a sfavore per Motorola visto che il Moto X è un top di gamma e costa comunque 400 euro. Ci si aspetterebbe di trovare dei normalissimi auricolari (anche di bassa qualità) ma non ci sono.

Caratteristiche Hardware

  • Processore Motorola X8 Mobile Computing System (approfondiremo dettagliatamente questo aspetto)
  • Display da 4,7 pollici con risoluzione HD 720p di tipo AMOLED
  • 2 GB di memoria RAM
  • Sistema operativo Android 4.4.2 Kitkat
  • Memoria interna da 16 GB non espandibili (in compenso Google offre 50 GB gratuiti su Google Drive per due anni
  • Fotocamera posteriore da 10 MP
  • Fotocamera anteriore da 2 MP
  • Connettività: tutte quelle disponibili al momento: WiFi 802.11a/g/b/n/ac, LTE, Bluetooth 4.0 LE + EDR, NFC
  • Batteria da 2.200 mAh non removibile
  • Dimensioni: 129,3 x 65,3 mm x uno spessore variabile da 5,6 a 10,4 mm
  • Peso 130 grammi 

Approfondiamo ora il discorso Motorola X8 Mobile Computing System. Erroneamente si sente dire che il Motorola Moto X è dotato di un processore Qualcomm Snapdragon dual core. In realtà la CPU S4 Pro da 1,7 GHz non è da sola ma è accompagnata dai 4 core della GPU Adreno 320, da 1 core per il riconoscimento vocale e un altro che gestisce funzionalità quali Active Display. Il Moto X infatti è in grado di riconoscere se è appoggiato ad un piano o se è riposto in tasca in modo da fornire le notifiche “attive” solo quando è effettivamente necessario. In conclusione ci sono 8 core che gestiscono il Motorola Moto X. Nell’uso quotidiano non si sente minimamente il bisogno di potenza aggiuntiva anche se i benchmark non sono molto entusiasmanti.

Funzionalità Vocali

Il vero punto di forza del Motorola Moto X è la funzionalità “always listening” che permette di sbloccare il telefono e di svolgere varie funzionalità come chiamare e mandare messaggi, attivare Google Maps, aprire applicazioni e altro ancora. Mai una volta che si fosse impuntato. Una volta riconosciuto l’input vocale il Moto X si attiva in ogni situazione. Per maggiori informazioni potete dare un’occhiata a questo focus che abbiamo realizzato appositamente.

Foto e Video

Il comparto multimediale è molto interessante per chi non è un esperto di foto in quanto le opzioni non sono tante ed è possibile scattare foto, registrare video semplicemente utilizzando il sensore touchscreen. Possiamo attivare il rallenty nei video, l’autofocus, il flash e la gesture che permette di avviare la fotocamera semplicemente “scuotendo” il Moto X.

Foto e video discrete ma con poche possibilità di personalizzazione. Niente ci vieta di scaricare applicazioni dal Play Store che vadano a sopperire alle mancanze della fotocamera stock di Android.

Design e materiali

Moto X è un terminale estremamente compatto: le dimensioni sono molto simili a quelle del Blackberry Z10 e del Sony Xperia Z Compact ma rispetto ai 4,2 e 4,3 pollici di questi due telefoni, Motorola è riuscita a realizzare una diagonale da 4,7 pollici.

Il design è sicuramente originale dato che come vedete nella foto il telefono è sottilissimo ai lati e un po’ più spesso al centro. Questa strategia consente di non attutire eccessivamente il suono degli speaker posteriori che sono posizionati a lato della fotocamera. Il retro gommato del Moto X assicura inoltre un’ottima ergonomia.

Il terminale è talmente compatto che Motorola ha scelto di utilizzare una nano sim che va inserita nel lato sinistro del Moto X e anche se Google non le utilizza per incentivare il suo servizio Drive, ci sarebbe stato poco spazio per inserire una microSD.

Display

L’eterna lotta tra Amoled e IPS non ha ancora sancito un vincitore. Mentre il primo ha dei neri perfetti e colori più saturi, il secondo ha dei neri pessimi e dei colori più vicini alla realtà. Motorola ha optato per il display Amoled.

La scelta probabilmente più che ad un gusto per la tonalità dei colori è dovuta ai bassi consumi dello schermo Amoled per una funzionalità come l’Active Display che illumina solo i pixel necessari lasciando spenti gli altri. Con una tecnologia IPS probabilmente Motorola avrebbe dovuto equipaggiare il suo Moto X con una batteria da 4000 mAh per arrivare a fine giornata.

La risoluzione HD del display (in un’era di Full HD e ora anche QHD) non è una limitazione  in quanto su uno schermo da 4,7 pollici la mancanza dei 1080p non solo non si fa sentire ma sarebbe stata anche uno spreco di risorse per un terminale che non fa della potenza “pura” il suo punto di forza.

Multimedialità

Motorola non ha aggiunto molte applicazioni rispetto a quelle classiche di Android. Il lettore classico non ha particolari problemi ma per comodità sul terminale in test abbiamo installato MX Player con il quale non abbiamo avuto alcun tipo di problema a riprodurre anche filmati a 1080p come il classico “helicopter” di Samsung. Ovviamente il display da soli 4,7 pollici non rende particolarmente piacevole la visione di filmati lunghi sul telefono ma in ogni caso avete tutti gli strumenti per vedere anche film in mkv.

Batteria 

Da un terminale dotato di una batteria da soli 2200 mAh che dispone di una modalità “always listening” che di fatto mantiene Google Now attivo per tutto il tempo, e di una modalità “Active Display” che tiene lo schermo sempre attivo, ci si aspetterebbe un’autonomia molto ridotta.

Ebbene, anche se il terminale è nuovo e abbiamo effettuato solo 4/5 cicli di ricarica, l’autonomia è ECCELLENTE. Lo vedete negli screen in galleria. 5 ore di display acceso, connessioni dati sempre attive con 3 account email in push, Facebook, Twitter e Google+, utilizzo intenso di Chrome, Youtube, caricamento di video su Youtube in 3G non sono in grado di mettere in ginocchio il Moto X.

Abbiamo fatto due test e in entrambi non abbiamo attivato la modalità di risparmio energetico. Il terminale arriva a fine giornata con ancora una percentuale residua di batteria (che non vi consentirà di affrontare una seconda giornata) in qualunque caso e con qualunque tipo di utilizzo, sia telefonico che multimediale. Batteria promossa senza ombra di dubbio, ma bisogna dare merito a Motorola e a Google di aver ottimizzato davvero sapientemente ogni singola features del Moto X.

Comparto Reti – Telefono- Dati

Ottime sotto ogni punto di vista. Nelle stesse condizioni dove altri terminali sono stati oggetti di frequenti perdite di segnale del wifi, il Motorola Moto X non solo aggancia il segnale ma si riesce a navigare bene con la stessa qualità che si avrebbe con il modem a 10 cm di distanza. Nessun problema per la parte telefonica che si dimostra efficiente in tutti i casi. Sorprendente la facilità con cui il terminale passa da 3G ad HSDPA, ad HSPA+ senza nessun impuntamento.

Giochi

Sul comparto ludico c’è ben poco da dire: la GPU Adreno 320 svolge egregiamente il suo lavoro e non ci sono problemi di alcuna sorta sia su giochi 2D che su giochi 3D. Abbiamo testato Riptide GP e non abbiamo riscontrato alcun tipo di problema: non si segnalano rallentamenti e scatti.

Anche qui il problema se così possiamo chiamarlo è dato dalla compattezza del terminale con un display relativamente piccolo e cornici molto sottili che rendono l’impugnatura un po’ più complicata perché è davvero un’attimo andare a tappare per sbaglio sui tasti softkey a schermo.

Browser

Una delle migliori esperienze d’uso mai provate su un dispositivo Android. Il browser predefinito è Google Chrome, noto per una fluidità non proprio eccellente su molti terminali. Su Motorola Moto X il comportamento di Chrome è perfetto. Pinch to zoom, pan e più schede aperte non mettono minimamente in difficoltà il browser e queste ottime qualità software unite al comparto Reti ottimale del Moto X sia in WiFi che in 3G assicurano un’esperienza d’uso soddisfacente al 100%.

Conclusioni finali

Motorola Moto X è un terminale ottimo e consigliato sotto tutti i punti di vista. Si tratta di un telefono molto compatto dotato di funzionalità esclusive e comodissime che vi ritroverete ad utilizzare anche quando non ne avreste effettivamente bisogno. L’active display piacerà molto sia ai più giovani sia a chi qualche anno fa utilizzava i primi smartphone Nokia con sistema operativo Symbian che notificava a schermo le chiamate e gli sms.

Il prezzo di 399 euro di listino forse non è appetibile però il Motorola Moto X è al momento uno dei migliori smartphone Android. Fluidità, reattività e ottimizzazione sono tra le migliori in assoluto mai viste su un device Android. Per 50 euro in meno si acquista un Nexus 5 ma fondamentalmente il Moto X è migliore sotto tantissimi aspetti.

Anche in campo modding, Motorola Moto X è facilmente sbloccabile a livello di bootloader, permessi di root, installazione di recovery personalizzate e di custom rom, anche se sicuramente queste ultime non le installerete perché non ne sentirete minimamente il bisogno.

Ed ora passiamo ai voti:

Dopo aver lasciato qualche indizio la settimana scorsa con il video focus sui comandi vocali di Motorola Moto X ora siamo pronti ad effettuare la nostra recensione completa di questo fantastico terminale che arriverà ufficialmente sul mercato italiano a partire dal mese prossimo ma che è comunque già possibile acquistare online a prezzi decisamente contenuti come vi abbiamo segnalato in questo articolo. Motorola Moto X avrà un prezzo ufficiale di 399 euro, anche se lo potete trovare anche a meno online. Confrontando questo prezzo di listino con quello degli attuali top di gamma e quindi HTC One, LG…

Score

Caratteristiche Hardware - 7
Funzionalità Vocali - 10
Foto e video - 7
Design e Materiali - 7
Display - 7.5
Multimedialità - 7.5
Batteria - 8
Comparto reti - 8
Giochi - 7
Browser - 9

7.8

Conclusione : Smartphone top di gamma, compatto e perfettamente ottimizzato, con funzionalità esclusive, in vendita ad un prezzo accessibile a tutti

8

SCELTI DA NOI PER TE