Home > Recensioni Android > Zopo ZP998 Vs Wiko Darkfull Hell By AndroidBlog

Zopo ZP998 Vs Wiko Darkfull Hell By AndroidBlog

zopo_zp998_vs_wiko_darkfull_hell

Dopo averli recensiti singolarmente, oggi vi proponiamo il confronto tra due smartphone top di gamma, ovviamente entrambi animati dal sistema operativo del robottino verde Android, rispettivamente il cinese Zopo ZP998 e il francese Wiko Darkfull Hell, che per quanto ci offrano un comparto hardware differente tra loro, occupano invece la stessa fascia di prezzo.

zopo_zp998_vs_wiko_darkfull_hell

Unboxing

All’interno della confezione dello Zopo ZP998, a parte lo smartphone, troviamo in dotazione un paio di auricolari di discreta fattura, alcune pellicole protettive per il display, il cavo USB – Micro USB, l’adattatore europeo USB per la presa di corrente e la consueta manualistica. Insomma un contenuto che si mantiene nella media, a parte l’adattatore per la ricarica del dispositivo che non sempre è compreso all’interno delle confezioni di smartphone cinesi e in alcuni casi bisogna acquistarlo separatamente.

zopo_zp998_unboxing

Per quanto riguarda il contenuto della confezione del Wiko Darkfull Hell al suo interno troviamo il dispositivo accompagnato da un paio di auricolari in-ear di ottima fattura con tanto di gommini di riserva, il cavo USB – Micro USB ben curato sotto l’aspetto stilistico presentandoci un design accattivante, l’adattatore europeo USB per la ricarica dello smartphone attraverso presa di corrente, il solito manuale di istruzioni e una serie di adattatori per SIM card, della cui presenza non abbiamo capito il motivo, considerato che il terminale permette soltanto l’alloggiamento di Micro SIM, ma ringraziamo l’azienda in quanto potrebbero risultarci utili per l’utilizzo su altri telefoni cellulari.

wiko_darkfull_hell_unboxing_zopo_zp998

Sebbene manchino le pellicole protettive, in questa prima prova dobbiamo dire che il contenuto della confezione del Wiko Darkfull Hell ci ha soddisfatto maggiormente rispetto al rivale protagonista del confronto, sia per gli ottimi auricolari in ear, sia per il cavo USB – Micro USB particolarmente curato.

Hardware e scheda tecnica

Come vi abbiamo accennato all’inizio di questo versus, le caratteristiche tecniche dello Zopo ZP998 e del Wiko Darkfull Hell sono alquanto diverse, andiamo quindi a scoprire insieme le differenze nella tabella qui di seguito.

Zopo ZP998 Wiko Darkfull Hell
Dispay 5,5 pollici Full HD (1920×1080 pixel) 441ppi Display 5 pollici Full HD (1920×1080 pixel) 401ppi
Processore octa core Mediatek MT65892 da 1,7 GHz Processore quad core Mediatek MT6589 da 1,5 Ghz
2 GB di memoria RAM 2 GB di memoria RAM
16 GB di memoria per lo storage dei dati, espandibili con schede microSD fino a 64 GB 16 GB di memoria per lo storage dei dati non espandibili
Fotocamera posteriore da 14 megapixel con flash LED, frontale da 5 megapixel Fotocamera posteriore da 13 megapixel con flash LED, frontale da 5 megapixel
Connettività Wifi, Bluetooth, USB OTG, NFC Connettività Wifi, Bluetooth, USB
Batteria da 2.400 mAh Batteria da 2.000 mAh
Sistema operativo Android 4.2.2 Jelly Bean Sistema operativo Android 4.2.1 Jelly Bean
Dimensioni pari a 151,4 × 76,1 x 9,1 millimetri per un peso totale di 159 grammi Dimensioni pari a 143 x 71 x 8,6 millimetri per un peso totale di 136 grammi

Come abbiamo potuto ben leggere i due dispositivi di questo confronto ci offrono un comparto hardware abbastanza diverso, laddove i punti a favore dello Zopo ZP998 rispetto al rivale Wiko Darkfull Hell sono il display più ampio, lo spazio di memoria disponibile per lo storage dei dati espandibile, ma sopratutto il processore octa core dello smartphone cinese, contro il più comune quad core del dispositivo francese.  A livello di caratteristiche tecniche è quindi evidente che in questa sfida il dispositivo made in China ha la meglio, ma prima di trarre conclusioni affrettate vi suggeriamo di continuare a leggere il versus.

Display

zopo_zp998_vs_wiko_darkfull_hell_display

Per quanto riguarda i display dei due terminali per entrambi ci troviamo di fronte a soluzioni Full HD con un ampio 5,5 pollici dello Zopo ZP998, contro i più contenuti 5 pollici del Wiko Darkfull Hell, che rendono quest’ultimo dispositivo certamente più maneggevole e comodo per l’uso quotidiano e meno avido di batteria.

In particolare il display dello Zopo ZP998 ci offre colori vivaci e accesi, neri e bianchi eccellenti e un’ottima risposta anche sotto l’esposizione della luce solare, con un sensore di luminosità automatica che svolge perbene il suo lavoro, non mostrando alcuna incertezza.

Andando ad analizzare nei dettagli il display del Wiko Darkfull Hell, anche in questo caso troviamo uno schermo che ci propone colori molto vivi e ben contrastati, bianchi e neri ottimi ed un’eccellente visibilità all’esposizione della luce esterna, nonché un angolo di visione che ci permette una perfetta visuale girando il terminale fino a 90 gradi.

Potendo però avere tra le mani i due dispositivi contemporaneamente, sebbene entrambi i display dei terminali risultano di ottima fattura, i bianchi dello Zopo ZP998 vincono su quelli del Wiko Darkfull Hell, mentre avviene il contrario per i neri. Tuttavia nella riproduzione dei filmati Full HD, così come potremo vedere coi nostri occhi nel video confronto a fine articolo, i colori dello smartphone cinese risultano essere più vivaci rispetto al dispositivo francese che ci restituisce immagini dalle tonalità più spente.

Multimedia

Per quanto riguarda l’ambito multimediale iniziamo col parlarvi della riproduzione audio del doppio altoparlante dello Zopo ZP998 che ci offre un volume davvero elevato per uno smartphone, ma che pecca in qualità, restituendoci dei suoni dalle frequenze cupe.

A livello video, invece, lo Zopo ZP998, nella  riproduzione di filmati Full HD, non mostra alcuna incertezza, offrendoci immagini fluide e dai colori vivi e con un ottimo contrasto.

Infine, per quanto riguarda uno degli aspetti più importanti di questa sfida che mettono a dura prova le performance dell’hardware del dispositivo, ossia il gaming, abbiamo provato lo Zopo ZP998 con il titolo video ludico GT Racing 2 e il risultato è stato davvero impeccabile, con tempistiche di caricamento e qualità di gioco che non lasciano incertezze sulle ottime prestazioni del terminale, garantite dal processore octa core Mediatek MT65892 da 1,7 GHz e dalla GPU Mali 450 .

Passando al rivale Wiko Darkfull Hell, per quanto riguarda la riproduzione audio, il suo singolo speaker posto nella parte posteriore del dispositivo, a differenza del doppio altoparlante dello Zopo ZP998, ci restituisce un suono dal volume più basso, ma con frequenze decisamente migliori rispetto allo smartphone concorrente.

Per quanto riguarda la prova video, il dispositivo francese risulta impeccabile anche nella riproduzione dei filmati Full HD, che risultano fluidi e senza particolari lag, se non fosse per una resa dei colori un po’ smorta rispetto al terminale rivale.

Nonostante i suoi soli quattro core, contro gli otto core dello Zopo ZP998, anche nel test del gaming, il Wiko Darkfull Hell si comporta in modo eccellente, non facendo sentire in alcun modo la mancanza dei quattro core rispetto al dispositivo concorrente, piuttosto il processore integrato sembra essere ottimizzato in quest’ambito, offrendoci lo stesso livello di prestazioni.

In questa prova possiamo quindi dire che entrambi gli smartphone ci hanno offerto buone performance, con lo Zopo ZP998 che pecca un po’ per la qualità del doppio altoparlante, ma si distingue per averci offerto video dai colori eccellenti, mentre, viceversa, il Wiko Darkfull Hell, dal suo singolo speaker ci ha restituito un suono più basso, ma qualitativamente migliore, sebbene nella riproduzione dei filmati le immagini sono risultate dai colori un po’ spenti.

Fotocamera

zopo_zp998_vs_wiko_darkfull_hell_fotocamera

Per quanto riguarda il comparto fotografico, nello Zopo ZP998 troviamo una soluzione con sensore da 14 megapixel e flash LED che ci offre degli scatti di buona fattura in condizione di luce ottimale, mentre sono piuttosto deludenti in caso di scarsa luminosità, ma tutto sommato, considerando che stiamo parlando di uno smartphone, la qualità in generale è risultata accettabile.

Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Stesso discorso vale per la fotocamera frontale dello Zopo ZP998, con sensore da  5 megapixel, che possiede tutti i requisiti necessari per permetterci di effettuare autoscatti discreti in condizioni di buona luminosità, ma che risultano scadenti quando quest’ultima viene a mancare.

Infine, parlando sempre di Zopo ZP998, per quanto riguarda la registrazione video questo dispositivo ci permette di catturare immagini di qualità accettabile, ma come succede spesso per le fotocamere degli smartphone che presentano uno zoom digitale, la prestazioni calano nettamente quando ingrandiamo il soggetto ripreso.

A riguardo dell’ambito fotografico il Wiko Darkfull Hell ci propone una fotocamera posteriore da 13 megapixel che, come per il dispositivo concorrente, permette di scattare foto di discreta qualità in caso di buona luce, mentre i risultati sono deludenti in situazioni scarsamente illuminate e senza l’utilizzo del flash e stesso discorso vale anche per la fotocamera frontale che, anche in questo caso, ci offre una soluzione da 5 megapixel.

Cliccare sulle immagini per ingrandirle

Per quanto concerne la ripresa video il Wiko Darkfull Hell ci permette di registrare filmati di buona fattura, seguendo la falsariga del rivale Zopo ZP998 anche in questo caso e, vi ricordiamo, la qualità di cattura, per entrambi i dispositivi, arriva fino allo standard Full HD.

Insomma, possiamo dire che per quanto riguarda la prova delle fotocamere, lo Zopo ZP998 e il Wiko Darkfull Hell si aggiudicano un risultato pari merito.

Software

Per quanto riguarda l’ambito software, a parte la versione del sistema operativo, che nello Zopo ZP998 troviamo integrata Android 4.2.2 Jelly Bean, mentre nel Wiko Darkfull Hell vi è la 4.2.1, la differenza di maggiore importanza, che distingue i due dispositivi, sta nel fatto che l’azienda francese non ha apportato alcun tipo di modifica lasciando la piattaforma così come mamma l’ha fatta, mentre l’azienda cinese ci offre al suo interno personalizzazioni e gesture di vario genere.

Zopo ZP998: cliccare sulle immagini per ingrandirle

Wiko Darkfull Hell: cliccare sulle immagini per ingrandirle

In ogni caso, entrambi i dispositivi si sono comportati molto bene, anche per quanto riguarda la navigazione Internet, a parte qualche rarissimo crash all’avvio di applicazioni più pesanti da parte dello Zopo ZP998, evento talmente raro che consideriamo, quindi, di poco rilevanza.

Autonomia

Un aspetto molto importante per uno smartphone, considerando che oramai si tratta di dispositivi che utilizziamo tutti quotidianamente, è certamente l’autonomia garantitaci dalla batteria.

Nel caso dello Zopo ZP998 troviamo integrata una batteria da 2.400 mAh, che però non sono stati sufficienti a garantirci un utilizzo intenso del dispositivo per oltre 7 ore con appena 1 ora e 30 minuti di schermo attivo, probabilmente il processore octa core integrato e l’ampio display da 5,5 pollici Full HD avrebbero richiesto una soluzione di capienza maggiore.

Tutt’altro discorso, invece, vale per il Wiko Darkfull Hell che coi suoi 2.000 mAh di batteria, con un uso abbastanza intenso del dispositivo è riuscito ad accompagnarci per quasi 9 ore con ben 3 ore 30 minuti di display attivato, cosa che ci ha lasciati davvero soddisfatti e, quindi, in questo caso, non possiamo che premiare lo smartphone francese.

Conclusioni

Come vi abbiamo accennato ad inizio articolo il confronto tra lo Zopo ZP998 ed il Wiko Darkfull Hell è stato effettuato proprio perché si tratta di due dispositivi che ci presentano un comparto hardware differente, che a quanto pare è riuscito a garantirci in entrambi i casi performance simili, ma che fanno parte della stessa fascia di prezzo che si aggira intorno ai 300 euro.

Alla resa dei conti, qualora steste valutando la possibilità di acquistare uno dei due smartphone, che comunque sono entrambi degli ottimi terminali, il nostro personale consiglio ricadrebbe sul Wiko Darkfull Hell che, nonostante caratteristiche tecniche inferiori, è riuscito a garantirci prestazioni pari allo smartphone concorrente di questo confronto e che abbiamo apprezzato per il contenuto della confezione, per la manegevolezza, per la durata della batteria e, sopratutto, per il lavoro di ottimizzazione effettuato dall’azienda francese sul dispositivo.

In ogni caso, prima di lasciarvi con il dettagliato video confronto tra lo Zopo ZP998 e il Wiko Darkfull Hell, che trovate subito sotto, se voleste conoscere meglio, a tu per tu, i singoli smartphone, vi rimandiamo alle rispettive recensioni attraverso i link qui di seguito.

Zopo ZP998 Vs Wiko Darkfull Hell: video confronto by AndroidBlog

Qui di seguito vi lasciamo con il nostro approfondito video confronto tra lo Zopo ZP998 e il Wiko Darkfull Hell: buona visione!

Acquisto

Per chi fosse interessato ad acquistare lo smartphone Zopo ZP998 o il Wiko Darkfull Hell è possibile farlo direttamente dallo store di Amazon, attraverso i rispettivi link qui di seguito.