Home > News su Android, tutte le novità > Spotify rimuove la possibilità di acquistare audiolibri dall’app iOS… A breve seguirà anche Android?

Spotify rimuove la possibilità di acquistare audiolibri dall’app iOS… A breve seguirà anche Android?

Spotify audiolibri

In seguito alle recenti modifiche apportate da Apple circa i pagamenti e le commissioni sul suo App Store, Spotify abbia ora rimosso le sue offerte di audiolibri dalla sua app iOS.

Nonostante una fiorente attività che ha visto Spotify accumulare 195 milioni di abbonati a pagamento e un interesse quanto mai elevato per gli audiolibri, il co-fondatore e CEO dell’azienda Daniel Ek ha discusso delle sue frustrazioni con Apple, sottolineando che l’azienda ha continuato a “dettare” il modo in cui interagiva con i propri clienti. Ha continuato affermando che Apple controllava il modo in cui i clienti Spotify pagavano per il suo servizio, offrendo loro solo un’opzione. Ha anche discusso di come Apple abbia reso più difficile per le parti esterne prosperare nell’App Store, ostacolando di proposito l’esperienza dell’app o apportando modifiche arbitrarie alle politiche al fine di ottenere un vantaggio rispetto alla concorrenza.

Alla luce di tutto ciò, sembra che Spotify abbia ora rimosso le sue offerte di audiolibri dalla sua app iOS.

A seguito di un recente aggiornamento, l’app Spotify per iOS non offre più audiolibri per l’acquisto. Quando vai alla sezione degli audiolibri per effettuare un acquisto, l’app ora afferma che gli utenti non possono più effettuare acquisti di audiolibri nell’app.

Forse la parte più bizzarra di questo è che il messaggio non offre un’altra soluzione e lascia le persone in sospeso. A questo punto, se desideri acquistare audiolibri da Spotify, puoi accedere alla versione web di Spotify o utilizzare l’app desktop per effettuare acquisti di audiolibri.

Allora perché questo sta accadendo ora? Se non hai familiarità con il funzionamento dell’App Store di Apple, per dirla semplicemente, prende una commissione da qualsiasi cosa venduta attraverso la sua piattaforma. Apple richiede inoltre che tutti gli acquisti digitali vengano effettuati tramite il proprio servizio di pagamento. Nella situazione di Spotify, ciò significa che Apple prende un taglio del 30 percento da ogni audiolibro venduto, il che è piuttosto significativo.

Non è chiaro come Spotify combatterà questo problema, forse aumentando solo i prezzi di abbonamento, ma sfortunatamente non sembrano esserci molte opzioni, soprattutto quando ci sono servizi concorrenti offerti direttamente da Apple (le cui commissioni vanno a finire da una tasca all’altra).

VIA