Home > News su Android, tutte le novità > Google Traduttore non è più disponibile in Cina

Google Traduttore non è più disponibile in Cina

Google Traduttore

Google offre decine e decine di servizi diversi ai propri utenti, con miglioramenti che arrivano di aggiornamento in aggiornamento. Sotto il regime di pesante censura cinese però, Google è riuscita a mantenere una presenza limitata. Il motore di ricerca dell’azienda, il suo principale sistema di guadagno, non è disponibile da anni e il tentativo nel 2019 di riportare una versione che avrebbe incanalato i dati degli utenti al governo si è rivelato infruttuoso. Tuttavia, offre altri servizi tra cui Google Maps e Traduttore, principalmente su base commerciale, per l’utilizzo da parte delle aziende cinesi. Adesso però Google Traduttore è stato disattivato.

Google ha detto a TechCrunch che il motivo ufficiale della cancellazione del servizio Traduttore dal paese è un “basso utilizzo”. La pagina web di Google Translate China ora mostra una schermata iniziale con un collegamento che indirizza gli utenti a Google Translate Hong Kong.

Mentre Alibaba e Baidu competono per i primi posti nei servizi online, Google fornisce alcune funzionalità di traduzione per servizi di terze parti come l’app per la visualizzazione di documenti KOReader. Quegli utenti ora devono fare domande su cosa farà l’editore per riparare il buco.

Si ipotizza che l’interruzione di Google Translate in Cina possa avere a che fare con il 20° Congresso nazionale del Partito Comunista Cinese che si terrà il 16 ottobre: ​​i censori del governo sono più proattivi e aggressivi riguardo a grandi eventi nel mettere offline i servizi stranieri, nonché nel tracciare e vietare meme e parole chiave che circolano sui social media.

Uno di questi esempi è stato il paragone del presidente Xi Jinping con Winnie-the-Pooh di A. A. Milne. Le menzioni di tenero e rotondo orsacchiotto sono state cancellate prima dell’ultimo Congresso Nazionale nel 2017.

D’altra parte, la Cina ha mantenuto la sua influenza sulla scena digitale mondiale con TikTok come uno dei suoi esempi più forti. Con centinaia di milioni di utenti attivi ogni giorno, la società madre ByteDance ha resistito alle pressioni per vendere l’app a investitori stranieri e, cosa più significativa, ha raddoppiato la leadership cinese nelle sue divisioni globali.

VIA