Home > News su Android, tutte le novità > Android TV cresce a dismisura in Europa con oltre il 20% di market share

Android TV cresce a dismisura in Europa con oltre il 20% di market share

Android TV Android 11

Le piattaforme Android TV e Google TV non sono state esattamente un successo negli Stati Uniti, un mercato dominato da televisori più vecchi, forse anche più lenti, rianimati da scatole Roku e Amazon Fire TV. I dati dello scorso anno hanno mostrato che Fire TV ha triplicato la sua quota di mercato statunitense nei dongle OTT in un periodo di sei anni tra il 2015 e il primo trimestre del 2021, in parità con Roku. Ma dopotutto Google potrebbe avere qualcosa di cui rallegrarsi, almeno in Europa.

I dati forniti dalla società di ricerca Omdia e riportati da FlatPanelsHD rivelano la crescita significativa delle spedizioni di pannelli Android TV in tutta Europa, stabilendo un punto d’appoggio decente nel mercato delle smart TV della regione.

Dall’inizio del 2019, le piattaforme smart TV di Google sono cresciute da meno del 10% a ben oltre il 20% della quota di mercato, secondo la ricerca di Omdia. Oltre il 90% dei nuovi televisori spediti in Europa include una piattaforma dedicata per le app, un aumento considerevole rispetto all’80% registrato nel 2019. 

Il segmento delle smart TV è attualmente guidato da Google TV/Android TV, LG webOS e Tizen OS di Samsung. L’analista di Omdia Paul Gray afferma che la crescita di Android TV in Europa può essere attribuita a un’ampia selezione di TV disponibili nei vari segmenti di prezzo, che include sia offerte premium che televisori entry-level più economici. Il vasto ecosistema di app e giochi accessibili tramite il Play Store potrebbe anche essere un fattore dell’impennata di Google nel segmento delle smart TV europee.

Predicendo il futuro del segmento delle smart TV, Gray ha affermato che una “terza ondata di streaming” potrebbe essere alle porte grazie al cloud gaming. Questo è un riferimento ai servizi di cloud gaming emergenti come Amazon Luna, GeForce NOW, Xbox Cloud Gaming e, naturalmente, Google Stadia, che ha avuto la sua parte di alti e bassi sin dal suo lancio.

VIA