Home > Giochi Android > Il futuro di Google Stadia è sempre più lontano dal mercato consumer

Il futuro di Google Stadia è sempre più lontano dal mercato consumer

Google Stadia

Business Insider ha appena pubblicato un nuovo rapporto che approfondisce i piani di Google per il futuro di Stadia. La buona notizia è che il portavoce di Google, Patrick Seybold, afferma che oltre 100 giochi dovrebbero arrivare sulla piattaforma nel 2022. Tuttavia, le cose non sembrano fertili nella terra di Stadia, non quando l’attenzione al mercato consumer si riduce al 20% dello staff.

Il numero di abbonati è da subito parso molto al di sotto delle aspettative e nell’ultimo anno, molti si sono chiesti dove fosse stato il product manager di Stadia, Phil Harrison, mentre Stadia ha lottato per crescere e “farsi un nome”. Apparentemente, ora risponde al capo degli abbonamenti di Google invece che direttamente a Rick Osterloh, il capo dei dispositivi e dei servizi. Harrison è persino tornato a casa sua a Londra invece di rimanere in California per lavorare dalla sede di Google a Mountain View.

La tecnologia di streaming alla base di Stadia è ancora tra le migliori attualmente disponibili, se non la migliore, ma Google ha faticato a gestire la sua piattaforma consumer in modo competitivo, motivo per cui ha spostato l’attenzione da un prodotto dedicato agli utenti a uno dedicato alle aziende, fornendo la propria piattaforma in white label (tecnologia che viene chiamata Google Stream).

Fondamentalmente, Google fornirà la propria infrastruttura e tecnologia di streaming ad altre aziende che potranno ribattezzarla con il proprio brand. Ma questo cosa significa questo per coloro che giocano ancora su Stadia? Non molto. L’attuale libreria non sta andando da nessuna parte per il momento, anche se la crescita dei giocatori sarà dura, specialmente con la scarsità di titoli AAA.

Sì, quest’anno sono previsti oltre cento nuovi giochi e port. Ma se sono tutti indie, quanti giocatori rimarranno in giro? E con giganti come Microsoft e Sony che si sono accaparrati tutta la concorrenza AAA (Bethesda e Activision Blizzard la prima, Bungie la seconda), non sorprende vedere Google ritrarsi dalla lotta.

Business Insider potrebbe affermare che il nuovo focus white label di Google salverà il servizio di gioco, ma ciò dipende dalla capacità di Google di concedere in licenza la tecnologia, il tutto ignorando l’attuale base di utenti di Stadia e la mancanza di giochi AAA.

VIA