Home > News su Android, tutte le novità > Google potrebbe violare la legge rendendo impossibile la negazione alla raccolta dati durante la creazione di un account

Google potrebbe violare la legge rendendo impossibile la negazione alla raccolta dati durante la creazione di un account

Google multa UE

In molti settori Google è cresciuto fino a diventare uno dei più grandi obiettivi per il controllo europeo. Dalle accuse antitrust in abbondanza alle preoccupazioni sulla privacy, la società ha dovuto navigare tra miliardi di euro di multe, cambiamenti ai propri servizi e molte nuove normative sulla scia delle proprie trasgressioni. E ci si può aspettare ulteriori sfide legali poiché le agenzie di protezione dei consumatori in tutta Europa stanno adottando misure contro il gigante della tecnologia per aver spinto i consumatori ad accettare la sorveglianza aziendale.

Secondo l’Organizzazione europea dei consumatori che rappresenta le agenzie sindacali per la protezione dei consumatori, le autorità di cinque paesi membri hanno presentato reclami formali alla Commissione europea sostenendo che Google viola il regolamento generale sulla protezione dei dati. Altre agenzie hanno inviato missive all’azienda, la Federal Trade Commission degli Stati Uniti, e stanno avvertendo i governi dei loro paesi sulle pratiche dell’azienda quando si inserisce un nuovo utente in un account Google.

Tali pratiche includono: fornire un’opzione “accetta tutto” quando si presentano ai potenziali utenti autorizzazioni e impostazioni relative alla modalità di raccolta dei loro dati, ma non un’opzione “nega tutto”; nascondere le informazioni su come i dati dell’utente vengono elaborati dal processo di registrazione;  basandosi pesantemente su spiegazioni non specifiche sul motivo per cui raccoglie e su come integra i dati degli utenti.

Le politiche di raccolta dei dati di Google vengono applicate a molti servizi che includono Gmail, Play Store, Google Maps e altri, alcuni dei quali richiedono la configurazione di un account per accedere. In breve, Google rende difficile scoprire cosa fa con i dati e perché li raccoglie. Rende anche difficile dire “no” a queste pratiche.

Il BEUC definisce Google il principale titolare del “capitalismo di sorveglianza” e afferma che la società ha violato una serie di articoli del GDPR, compresa la conservazione di tali dati per più lungo del necessario. Negli ultimi mesi, tre stati membri dell’UE hanno vietato l’uso di Google Analytics dopo che l’azienda non poteva garantire la privacy dei dati che riceve dai suoi host client (Italia compresa).

Google sta anche affrontando una causa da 2,4 miliardi di dollari da parte di PriceRunner per il suo presunto abuso dei risultati di ricerca per ottenere il dominio del mercato per Google Shopping.

VIA