Home > News su Android, tutte le novità > Netflix, sarà addio al binge-watching?

Netflix, sarà addio al binge-watching?

Netflix

Non è un segreto per nessuno che Netflix abbia attraversato un periodo difficile ultimamente. Il servizio, considerato uno dei più grandi servizi di streaming video al mondo, ha visto diminuire il numero di abbonati per la prima volta da anni. Uno dei malumori degli utenti riguarda la poco disponibilità di serie TV di alta qualità, col servizio che ormai si sta concentrando troppo sulla quantità e poco sulla qualità.

A questo proposito, Netflix deve valutare ogni opzione possibile nel tentativo di invertire la rotta. Un’opzione che un certo numero di addetti ai lavori suggeriscono che potrebbe rivelarsi fruttuosa comporterebbe il cambiamento radicale della strategia di rilascio in contemporanea di tutti gli episodi di una stagione.

Netflix sta chiaramente prendendo in considerazione alcune nuove strategie per spostare le sue fortune e un allontanamento dal suo attuale ciclo di rilascio della firma e verso uno che favorisca le versioni settimanali di episodi potrebbe essere tra queste opzioni, secondo un certo numero di analisti ed esperti.

Quando rilascia nuove stagioni dei suoi programmi, Netflix in genere lo fa tutto in una volta, rendendo tutti gli episodi disponibili il giorno della premiere. Ciò significa che gli utenti che vogliono abbuffarsi di tutto in una maratona di otto ore possono farlo se lo desiderano. Ciò è in netto contrasto con l’approccio adottato da servizi di streaming come Disney+. Lì, gli episodi vengono rilasciati settimanalmente, in una strategia più simile alla TV in diretta.

Non sarai in grado di guardare in modo abbuffato subito, ma questa strategia riduce anche gli spoiler e fa sì che le persone parlino dello spettacolo più a lungo. Per non parlare del fatto che, per visionare l’intera stagione “insieme con tutti gli altri”, è necessario abbonarsi per più di due mesi al servizio.

Finora, Netflix è rimasto fedele al suo modello di binge-release per le proprie produzioni interne. Il suo più grande cambiamento a quella strategia finora è stato dividere le stagioni in due, ultimamente fatto con la quarta stagione di Stranger Things, dove la prima parte è stata presentata in anteprima il 27 maggio e la seconda parte è prevista per il 1 luglio.

Gli episodi settimanali potrebbero fare molto per mantenere gli abbonamenti agganciati più a lungo. Probabilmente non è una strategia per far ricrescere una base di utenti da sola (il gaming è un’altra freccia a disposizione), e finora Netflix non ha nemmeno segnalato che sta valutando un tale cambiamento. Per ora, non ci resta che considerare la possibilità di come sarebbe il nostro intrattenimento futuro con molte meno abbuffate.

VIA