Home > News su Android, tutte le novità > Spotify testa la vendita di NFT nelle pagine degli artisti

Spotify testa la vendita di NFT nelle pagine degli artisti

Spotify pagamento alternativo su Android

Oltre ai brani e alle playlist più recenti, i musicisti possono utilizzare le pagine del profilo dell’artista di Spotify per promuovere il merchandising e le date dei concerti. Presto potrebbero essere in grado di utilizzare quelle pagine anche per promuovere NFT. Come riportato per la prima volta da Music Ally, Spotify ha iniziato a testare le gallerie NFT. La funzione è disponibile per un gruppo selezionato di utenti statunitensi su Android e include appassionati di Web3 come Steve Aoki e Snoop Dogg.

Se si ha accesso al test, si può visualizzare le gallerie visitando una delle pagine degli artisti incluse e scorrendo l’elenco dei brani. Toccando un NFT si può vederne una versione più grande, oltre a una breve descrizione. Secondo The Verge, un’opzione “Vedi altro” reindirizza alla pagina di elenco di OpenSea di NFT dove si può acquistare il token. Secondo Music Ally, Spotify non sta raccogliendo una commissione sulle vendite che aiuta a facilitare durante il test ma questo potrebbe cambiare se la funzione arriverà per tutti in forma stabile.

Spotify sta eseguendo un test in cui aiuterà un piccolo gruppo di artisti a promuovere le loro offerte NFT di terze parti esistenti tramite i loro profili artista“, ha detto Spotify all’outlet. “Conduciamo regolarmente una serie di test nel tentativo di migliorare le esperienze di artisti e fan. Alcuni di questi test finiscono per aprire la strada a un’esperienza più ampia e altri servono solo come un apprendimento importante“.

Il test arriva quando altre piattaforme importanti come Instagram incorporano le proprie funzionalità NFT nonostante il mercato si raffredda. Citando i dati di NonFungible, il Wall Street Journal ha recentemente scoperto che le vendite giornaliere di NFT sono diminuite del 92% rispetto al picco di settembre. Anche il numero di portafogli attivi è in calo di circa l’88%.

VIA