Home > News su Android, tutte le novità > Il CEO di DuckDuckGo attacca pesantemente Google e la sua strategia con Chrome

Il CEO di DuckDuckGo attacca pesantemente Google e la sua strategia con Chrome

DuckDuckGo

Google sta già affrontando crescenti sfide legali da parte dei regolatori di tutto il mondo che accusano il gigante della tecnologia di mantenere un monopolio illegale sulle sue attività di ricerca e pubblicità digitale. Ma ora uno dei suoi rivali più importanti sostiene che il titano stia abusando delle estensioni del browser per favorire i suoi prodotti e soffocare i concorrenti, aggiungendo una nuova riga al dibattito antitrust ad alto rischio e uno slancio alle richieste di una nuova regolamentazione.

Il CEO di DuckDuckGo Gabriel Weinberg, la cui azienda offre un motore di ricerca concorrente che promuove le sue protezioni della privacy, ha rilasciato un’intervista al Washington Post in cui ha attaccato pesantemente Google e la sua strategia che sta avendo con Chrome.

Per il dirigente, Google sta implementando funzionalità di progettazione manipolative, note come “dark patterns”, per indurre gli utenti ad abbandonare i prodotti rivali (per non parlare del tracciamento mediante FLoC). Secondo DuckDuckGo, Google per anni ha utilizzato notifiche fuorvianti per indurre gli utenti a disabilitare le estensioni del browser del suo rivale e per scoraggiarli dal cambiare il motore di ricerca predefinito sul suo browser web, Chrome.

Ma Weinberg ha affermato che Google nell’agosto 2020 ha modificato le istruzioni per spingere più sfacciatamente gli utenti lontano dalla concorrenza. Le modifiche includono la richiesta agli utenti di rispondere se preferiscono “Tornare alla ricerca di Google” dopo aver aggiunto l’estensione DuckDuckGo e aver mostrato agli utenti un pulsante più grande ed evidenziato quando danno loro la possibilità di “Modificare di nuovo” o meno la scelta.

Weinberg ha affermato che le modifiche, sebbene sottili, hanno avuto un impatto importante. Da quando Google ha implementato le modifiche, DuckDuckGo ha registrato un calo significativo del 10% nel numero di nuovi utenti che è stato in grado di mantenere su Chrome (nonostante abbia raggiunto le 100 milioni di ricerche al giorno). Ciò si è tradotto in centinaia di migliaia di nuovi utenti persi.

È la prima volta che l’azienda parla pubblicamente di come la pratica di Google ha avuto un impatto sulla sua attività, compresi quelli che si dice siano milioni di potenziali entrate perse da quando Google ha cambiato le sue istruzioni nel 2020. “Per i motori di ricerca come noi che stanno cercando di consentire attivamente ai consumatori di cambiare, stanno rendendo irragionevolmente complicato farlo confondendo i consumatori“.

La portavoce di Google Julie Tarallo McAlister ha dichiarato però che gli utenti di Chrome “possono modificare direttamente le impostazioni di ricerca predefinite in qualsiasi momento“, ma spesso si lamentano “quando scaricano un’estensione che modifica inaspettatamente queste impostazioni a loro insaputa“. Ha aggiunto: “Questo problema è stato ben documentato per molto tempo ed è il motivo per cui abbiamo da tempo requisiti di divulgazione chiari per le estensioni e mostrato agli utenti una notifica se un’estensione tenta di modificare le impostazioni di ricerca, come un modo per confermare il loro intento. ” McAlister ha poi aggiunto che la notifica appare “indipendentemente dal provider di ricerca scelto dall’utente” e che alcuni altri browser hanno “politiche simili“.

Weinberg ha concluso l’intervista indicando che il calo della fidelizzazione degli utenti tramite la loro estensione su Chrome, che in precedenza non era stato segnalato, è una delle prove più “dirette” che hanno visto su come le pratiche di Google hanno danneggiato la loro attività. “Penso che aiuti davvero a renderlo concreto e mostrare alcuni esempi molto specifici di dove stanno accadendo le cose“.