Home > News su Android, tutte le novità > Android 13: grandi cambiamenti per le notifiche, la lingua e l’audio Bluetooth

Android 13: grandi cambiamenti per le notifiche, la lingua e l’audio Bluetooth

Android 13 Tiramisu

Seppur Android 12 non sia disponibile in maniera diffusa sugli smartphone non Pixel e Android 12L deve ancora essere implementata, lo sviluppo di Android 13 è già molto ben avviato. A questo proposito, XDA ha pubblicato degli screenshot di una delle prime versioni di Android 13, nome in codice “Tiramisu“.

Queste immagini ci danno, tra le altre cose, il nostro primo sguardo alle impostazioni della lingua personalizzata per ogni applicazione. Sulla base di questi scatti, potete vedere le opzioni della lingua per app nel menu delle impostazioni. Se preferite mantenere il vostro browser o le varie app di social media in un’altra lingua rispetto all’impostazione predefinita dello smartphone,  basteranno solo un paio di tocchi.

Forse più eccitante, tuttavia, è il passaggio alle notifiche dietro autorizzazione. Ottenere spam incessantemente con annunci, offerte in-app e altri messaggi non necessari è qualcosa che Google ha cercato di frenare in passato, ma con Android 13 si sta facendo un grande passo in avanti.

Secondo XDA, le nuove autorizzazioni di runtime per le notifiche sembrano suggerire un passaggio alle autorizzazioni di attivazione per i prompt, proprio come le app richiedono già l’accesso a posizione, fotocamera, file e altro. iOS lo fa già, richiedendo all’utente di approvare le notifiche al primo avvio. Come vi dirà qualsiasi proprietario di iPad, aiuta molto a ridurre lo spam.

Di contro però, se accettato il prompt questo tipo di autorizzazione in arrivo su Android potrebbe creare  un grosso problema di spam.

Un’altra novità su cui ci si focalizzerà con Android 13 sarà l’audio via Bluetooth. Mishaal Rahman ha notato un commit nell’Android Open Source Project (AOSP), che mostra come Google abbia recentemente unito il codec LE Audio (LC3) e lo ha aggiunto alle impostazioni di sistema come nuova opzione. Quando ci si connette a un dispositivo audio, il codec avrà la massima priorità, il che significa che i dispositivi supportati proveranno a stabilire una connessione LE Audio prima di ogni altra. Rahman non è sicuro che queste patch saranno sufficienti per far funzionare LE Audio, ma è sicuro che la funzione sarà pronta quando verrà lanciato Android 13.