Home > Giochi Android > Google Play Games (Play Store) in arrivo su Windows nel 2022

Google Play Games (Play Store) in arrivo su Windows nel 2022

Google Play Games API chiusura

Google ha mire espansionistiche per i giochi Android e, ai The Game Awards 2021, ha affermato che prevede di portare Google Play Games su Windows nel 2022 e ha esplicitamente confermato che ciò includerà la distribuzione dei giochi. In breve: Google lancerà un Play Store (per i giochi) su Windows il prossimo anno.

All’inizio pensavamo che questa notizia significasse molto meno interessante perché Google Play Games è in realtà diverse cose. Nella sua forma più semplice, Google Play Games è un SDK per sviluppatori abbinato a un’app client. L’SDK consente cose come i salvataggi, i profili, i risultati e gli aspetti sociali come le classifiche. In realtà però, l’idea di Google è quella di creare un app store apposito per Windows 10 e successivi, un po’ come Amazon ha fatto su Windows 11.

In questo senso dunque è solo un front-end per lo stesso Google Play Store, sfruttando semplicemente le sue profonde integrazioni. 

Quando è stata pressata ulteriormente, Google ha detto esplicitamente che si tratterà di un vero e proprio Play Store su Windows dedicato ai giochi. Una cosa importante da sottolineare è che il progetto di Google prevede l’emulazione dei giochi in locale e non lo streaming via cloud sfruttando la tecnologia di Stadia.

Considerando che la tecnologia di emulazione sviluppata da Microsoft è disponibile solo su Windows 11 mentre Google prevede il rilascio anche su Windows 10, molto probabilmente sta sviluppando un sistema di emulazione proprietario per convertire le istruzione ARM in istruzioni x86.

Avremo altro da condividere sul servizio e sul prodotto il prossimo anno. Ma quello che possiamo dire è che questa è una nuova esperienza che consentirà ai giocatori di scaricare e giocare ai loro giochi Google Play preferiti sul proprio desktop. Google distribuirà l’applicazione e i giochi stessi. Siamo entusiasti di aiutare tutti coloro che utilizzano Google Play a continuare a giocare su telefoni, tablet, Chromebook e Windows abilitati per Android.

VIA