Home > Giochi Android > Annunciati i vincitori del Google Play Indie Games Contest

Annunciati i vincitori del Google Play Indie Games Contest

Google Play Store

Al fine di gratificare i migliori sviluppatori che dedicano la propria carriera ad Android, Google è solita organizzare dei concorsi a premi relativamente a determinate categorie di app. A distanza di qualche mese dall’inizio del Google Play Indie Games Contest, il colosso di Mountain View ha annunciato ieri, esattamente come previsto, i giochi vincitori. 

I vincitori sono stati scelti fra oltre 1000 giochi e gli sviluppatori provengono da ben 12 Paesi diversi. A giudicare i giochi è stata una giuria composta da esperti di ogni genere (sempre relativamente al mondo video ludico). Ad aggiudicarsi la prima posizione è stato Reigns, un titolo gestionale medievale governato da scelte binarie. Al secondo e terzo posto si sono posizionati rispettivamente The Battle Of Polytopia e Causality. Il resto della top ten è composto da: 

Il Google Play Indie Games Contest porta sia riconoscimenti che premi concreti

Si tratta di un riconoscimento molto importante per gli sviluppatori di questi giochi che, oltre all’onore di aver vinto, si portano a casa una serie di altri premi utili a far conoscere maggiormente le loro app:

  • Campagna pubblicitaria su YouTube del valore fino a 100.000 dollari
  • Posizioni privilegiate sulle classifiche del Google Play
  • Biglietti per Google I/O 2017 e altri eventi di settore top
  • Promozione sui canali ufficiali Google
  • Premi speciali per il miglior gioco realizzato con motore grafico Unity

Grazie a contest di questo genere, Google aiuta i migliori sviluppatori indipendenti a venire fuori dalla massa. Dal momento che la maggior parte del successo di Android è dovuto alle app di terze parti, per Google l’organizzazione di questi contest ed i premi possono essere considerati come una sorta di spesa per il futuro.

Per maggiori informazioni sui vincitori del Google Play Indie Games Contest, vi basterà cliccare su questo link.