Home > Smartphone Android > Android 4.3: in arrivo per i Samsung Galaxy S3

Android 4.3: in arrivo per i Samsung Galaxy S3

samsung-galaxy-s3

A quanto pare il rilascio di Android 4.3 ad opera di Google, oltre a dar vita ad una sorta di gara tra le principali aziende del settore per fornire gli update in tempo rapidi, ha creato un po’ di confusione tra gli utenti, e non solo loro, persi tra le notizie basate sui vecchi piani di aggiornamento ad Android 4.2.2 Jelly Bean ed il repentino cambio di rotta imposto dai produttori, come è accaduto specificamente nel caso di Samsung.

Tra i vari prodotti in attesa delle ultime release di Android, l’attenzione degli ultimi giorni si è rivolta ai Samsung Galaxy S3, attualmente i device più diffusi nel panorama grazie anche all’ottimo rapporto qualità-prezzo assunto dopo la commercializzazione del Galaxy S4, e per il quali gli utenti erano in attesa dell’update ad Android 4.2.2 che però, quasi certamente, non arriverà mai grazie al salto diretto all’ultima release 4.3. Ad affermare questo piano sarebbe stata Deutsche Telekom, ovvero l’operatore telefonico tedesco, che a seguito di una domanda posta da un’utente ha confermato la possibilità, svelando quindi il buon lavoro condotto dagli sviluppatori Samsung.

Il dubbio in realtà sarebbe nato dalle difficoltà manifestate nelle ultime settimana, da parte del team di aggiornamento del colosso coreano, nei confronti dell’adattamento della versione dell’OS all’interfaccia proprietaria TouchWiz, la stessa che dovrebbe indurre all’abbandono, nel piano di update, del Galaxy S2, sino ad oggi simbolo dell’attenzione manifestata da Samsung nei confronti degli utenti, non abbandonando mai vecchi modelli come invece sono solite fare altre aziende.

Samsung-Galaxy-S-III-Android-43-update

Non state fornite date specifiche per il rilascio, che probabilmente impiegherà diversi mesi tra realizzazione, bisogna infatti sottolineare come l’ultima build fornita da Google sia stata ricevuta soltanto questa settimana, e distribuzione, quasi certamente con priorità appunto a paesi definiti di punti come la Germania e forse la Francia salvo poi dedicarsi al rilascio della versione europea nella quale sarà compresa anche l’Italia.