Home > News su Android, tutte le novità > ChromeOS 104, arriva finalmente il supporto definitivo alla dark mode

ChromeOS 104, arriva finalmente il supporto definitivo alla dark mode

ChromeOS 104

Google sta lavorando da un po’ di tempo su una vera e propria dark mode a livello di sistema per ChromeOS. Il tema scuro è stato inizialmente lanciato per gli utenti sul canale stabile all’inizio di quest’anno. Tuttavia, all’epoca, era nascosto dietro un flag. Google adesso lo sta finalmente portando alla ribalta con l’ultimo aggiornamento di ChromeOS (versione 104) sul canale stabile, insieme ad un paio di altre utili funzionalità.

Google ha recentemente iniziato a implementare ChromeOS 104.0.5112.83 sul canale stabile e l’ultima versione aggiunge un nuovo tema scuro da poter attivare nelle Impostazioni Rapide. Sebbene si poteva accedere a questo interruttore del tema scuro abilitando un flag di funzionalità nelle build precedenti, non è più necessario farlo sull’ultima versione di ChromeOS.

Secondo 9to5Google, il nuovo interruttore della dark mode appare nella seconda pagina delle Impostazioni rapide. Lo si può toccare per abilitare il tema scuro a livello di sistema, che altera l’aspetto di ogni dettaglio dell’interfaccia utente. Per completare il nuovo tema scuro, Google ha anche creato nuovi sfondi che “si spostano sottilmente dal chiaro allo scuro”, in base al tema.

ChromeOS tema scuro

Insieme al tema scuro, ChromeOS 104 offre anche una nuova visualizzazione del calendario mensile sullo scaffale che consente di visualizzare tutti gli  eventi per qualsiasi giorno del mese e di aprire la PWA di Google Calendar. Inoltre, l’aggiornamento introduce un launcher delle app compatto e riprogettato che non occupa l’intero schermo, un’app Galleria ricca di funzionalità in grado di aprire file PDF e una nuova app Sfondo e stile che consente di utilizzare le foto dalla  libreria di Google Foto come sfondo del Chromebook.

Infine, l’aggiornamento altera leggermente il modo in cui ChromeOS gestisce le notifiche in arrivo. Ora raggruppa le notifiche dallo stesso mittente e offre touch target più grandi per le azioni di avviso.

via  via  fonte