Home > News su Android, tutte le novità > Gli utenti Google One abbonati al piano Premium da 2TB ricevono una Titan Key gratis

Gli utenti Google One abbonati al piano Premium da 2TB ricevono una Titan Key gratis

Google Titan Key 2FA

Di tanto in tanto, Google offre vantaggi agli abbonati One per aver tirato fuori l’importo extra per lo spazio di archiviazione a pagamento. Se si è abbonati a uno dei piani da 2 TB+ etichettati come “premium”, potreste essere idonei a richiedere una chiave di sicurezza Google Titan Key gratuita per l’autenticazione a due fattori (2FA).

Dovreste vedere l’opzione elencata tra gli altri vantaggi del tuo account se sei idoneo per la promozione, che consente di richiedere una delle due versioni attualmente vendute (ognuna delle quali è semplicemente un modello Feitan ribattezzato).

Google aveva un’offerta simile per gli utenti facenti parte del programma Advanced Protection nel 2019, offrendo ai clienti la possibilità di inviare a un amico un set gratuito di due chiavi Google Titan Key e, se il destinatario avesse abilitato la protezione avanzata sul proprio account, guadagnarsi un Nest Mini gratuito.

L’offerta sembra scadere il 1° novembre secondo i termini attuali che appaiono al momento del check-out, anche se Google avverte che c’è una “quantità limitata disponibile in base all’ordine di arrivo”. L’accordo sembra essere solo per gli Stati Uniti e richiede che si disponga attivamente di uno dei piani Google One “premium” da 2 TB+.

L’importanza della 2FA tramite chiave di sicurezza

Con l’utilizzo delle Google Titan Key (o di altri modelli simili come le Yubikey) per la 2FA, non solo non viene trasferito alcun dato online se non un codice univoco generato dalla chiave stessa ma anche gli attacchi di phishing non hanno modo di avere successo, in quanto è comunque necessario inserire fisicamente la chiave (o usare il chip NFC) nel dispositivo. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo al nostro articolo dedicato di approfondimento.

La 2FA è stata resa obbligatoria per tutti gli account Google (non necessariamente tramite chiave di sicurezza), il che ha permesso all’azienda di ridurre le violazioni di sicurezza del 50%.

VIA