Home > News su Android, tutte le novità > Spotify testa una nuova UI per l’utilizzo in auto

Spotify testa una nuova UI per l’utilizzo in auto

Spotify pagamento alternativo su Android

Sebbene un tempo offrisse un’interfaccia grafica dedicata, Spotify non è stato il servizio più adatto alle auto negli ultimi tempi. Non solo Car View si è chiuso inaspettatamente a novembre, con il malcontento dei suoi utenti, ma diversi sistemi di infotainment ancora venduti nei negozi hanno recentemente perso il supporto per il servizio. Ma cci sono finalmente delle buone notizie per i conducenti, tuttavia, poiché una nuova interfaccia utente adatta alle auto è in fase di test.

La redazione di 9to5Google è riuscita a dare un’occhiata alla nuova modalità auto di Spotify e, a detta di tutti, sembra una solida sostituta di Car View.

La modalità auto è un’altra grande interfaccia utente incentrata sui pulsanti, ma questa volta si espande ben oltre la home screen. Con questa nuova versione, Spotify riformatta l’intera app con selezioni musicali ingrandite. Tre schede lungo la parte inferiore offrono un rapido accesso alla musica attualmente in riproduzione e alla libreria.

Anche l’interfaccia utente del player di riproduzione è stata aggiornata. Non è la cosa più bella che abbiamo mai visto, ma corrisponde all’aspetto generale del vecchio layout, con tutti i controlli di base di cui si ha bisogno durante la guida.

La nuova UI è  un buon segno per i conducenti che hanno ancora bisogno di un’app per sostituire Android Auto senza tutto il disordine che questi servizi, incluso quello di Google, spesso offrono. Anche se sembrava che Spotify stesse tentando di spingere gli utenti ad acquistare il suo Car Thing costoso e non necessario, sembra sicuramente che qualcosa fosse in lavorazione per prendere il posto di Car View.

La modalità auto è attualmente in fase di test con un gruppo selezionato di conducenti. 

Prima di lasciarvi, ricordiamo che Spotify è la prima grande app che sta venendo testata da Google per estendere i metodi di pagamenti al di fuori del Play Store.

VIA