Home > News su Android, tutte le novità > Huawei non ha abbastanza Kirin 9000 per gli smartphone P50 e si rivolge a Qualcomm per gli Snapdragon 888 4G

Huawei non ha abbastanza Kirin 9000 per gli smartphone P50 e si rivolge a Qualcomm per gli Snapdragon 888 4G

Huawei Kirin 9000 5G

Sembra proprio che HiSilicon, azienda partner di Huawei, non sia in grado di produrre abbastanza SoC Kirin 9000 per la nuova serie di smartphone Huawei P50 (motivo per cui questi smartphone sono stati rimandati più volti). Per tale motivo, è probabile che Huawei chieda a Qualcomm di fornire dei SoC Snapdragon 888 ma, per via delle sanzioni, eliminando qualsiasi tecnologia legata al 5G dal modem.

Le sanzioni che sono state imposte a Huawei sul non fare affari con aziende americane o con aziende che utilizzano tecnologie americane sta gravando fortemente su di essa. Oltre alla caduta rovinosa nelle vendite di smartphone (soprattutto a favore di Xiaomi che è salita al secondo posto scavalcando Apple), l’azienda partner HiSilicon sta dovendo affrontare delle problematiche incredibili sull’approvvigionamento delle materie prime e sulla produzione dei SoC Kirin.

Huawei P50

Molto probabilmente Huawei riserverà il SoC Kirin 9000 con pieno accesso alle reti 5G allo smartphone P50 Pro mentre il P50 dovrebbe essere rilasciato a settembre con a bordo la versione 4G del chipset Qualcomm Snapdragon 888.

E questo chiuderebbe il buco nel breve periodo ma lascia le problematiche invariate per la serie Huawei Mate 50. La linea Mate di solito viene lanciata durante il quarto trimestre dell’anno, ma molto probabilmente sarà ritardata fino all’inizio del prossimo anno.

I telefoni Mate sono solitamente i modelli Huawei tecnologicamente più avanzati offerti dall’azienda ogni anno ma, con la difficoltà nel reperire i SoC più all’avanguardia, molto probabilmente Huawei ridimensionerà un po’ il progetto. Alcuni pensano addirittura che la serie Mate potrebbe essere arrivata al capolinea, con Huawei che si concentrerebbe solamente sulla serie Pxx e sugli smartphone con display flessibile.

VIA