Home > News su Android, tutte le novità > Nvidia Shield TV si aggiorna per la 25° volta con la nuova Shield Experience 8.2

Nvidia Shield TV si aggiorna per la 25° volta con la nuova Shield Experience 8.2

Nvidia Shield TV 2019

Nonostante il sistema operativo Android sugli smartphone, sui tablet, sugli smartwatch e anche sulle Smart TV sia sinonimo di un supporto software dalla durata tipica di 24 mesi, Nvidia sta dimostrando che avere una piattaforma hardware concreta permette di supportare un dispositivo per oltre 5 anni. Non a caso, gli sviluppatori hanno appena rilasciato l’aggiornamento alla Shield Experience 8.2 per tutti i modelli di Nvidia Shield TV, compresi i primi due rilasciati nel 2015 (per i quali si tratta del 25° aggiornamento complessivo).

Le novità introdotte con l’ultimo update sono davvero numerose e includono diversi miglioramenti, anche se alcune sono riservate solo ai modelli più recenti. Il changelog completo dell’aggiornamento alla Shield Experience 8.2 recita:

  • Supporto upscaling UHD 4K da 360p a 1440p
  • Supporto contenuti a 60fps su Shield TV Pro
  • Upscaling contenuti in diretta su TV e video HD da YouTube in risoluzione 4K con AI
  • Supporto upscaling 4K a 60fps su GeForce NOW (in arrivo a settembre, dopo che l’app NVIDIA Games riceverà un altro aggiornamento)
  • Nuove azioni per il pulsante personalizzabile del telecomando:
    • doppia pressione
    • pressione prolungata
  • Migliorato il supporto per il controllo del volume IR e CEC
  • Supporto per i proiettori digitali
  • Supporto controllo volume IR con l’app SHIELD TV e con dispositivi Google Home
  • Il telecomando SHIELD 2019 aggiunge il controllo IR per cambiare la sorgente di ingresso su TV, AVR e soundbar
  • Le vecchie generazioni di Shield (2015 e 2017) possono adattare il frame rate in uscita a quello dei contenuti (per info cliccate QUI)
  • Supporto SMBv3 nativo (anche senza media server PLEX)

L’aggiornamento per le Nvidia Shield TV è già in fase di rilascio e pesa intorno ai 950 MB. Nel caso non aveste ancora ricevuto la notifica di aggiornamento, probabilmente è solo una questione di ore (sul modello standard del 2015 l’abbiamo già ricevuto).

FONTE