Home > News su Android, tutte le novità > Samsung spiega l’importanza della S Pen, della fotocamera e della banda UWB del Galaxy Note20 Ultra

Samsung spiega l’importanza della S Pen, della fotocamera e della banda UWB del Galaxy Note20 Ultra

Samsung Galaxy Note20 Ultra

Con la presentazione del Samsung Galaxy Note20 Ultra, il colosso coreano ha spinto in alto l’asticella di quella che è la qualità del display grazie alla tecnologia LTPO HPO e, anche se purtroppo non in Europa, delle performance grazie al SoC Qualcomm Snapdragon 865+. Tuttavia, all’appello sono presenti anche tante altre novità su cui vale la pena soffermarsi.

A questo proposito, Samsung ha pubblicato tre video promo che hanno il compito di porre l’attenzione su altrettanti caratteristiche che fanno del Samsung Galaxy Note20 Ultra lo smartphone definitivo e il più completo del 2020. Stiamo parlando del comparto fotografico, della S Pen (vero segno distintivo della serie Galaxy Note) e del supporto alla tecnologia Ultra-Wideband (UWB).

Nel primo video è possibile vedere come registrare video migliori con la modalità Pro Video di Samsung sul Galaxy Note20 Ultra: essa consente di utilizzare i tre microfoni del telefono per migliorare l’audio registrato dalla parte anteriore o posteriore dello smartphone e anche regolare i livelli del suono durante la registrazione.

Nel secondo video poi Samsung mostra le nuove gesture della S Pen per navigare sullo schermo, annotare documenti (si possono persino aggiungere messaggi registrati vocali all’interno dei PDF) e creare note migliori.

Infine, Samsung esamina i vantaggi della nuova tecnologia Ultra-Wideband presentata per la prima volta nel Galaxy Note20 Ultra (gli unici altri smartphone che utilizzano la UWB sono gli iPhone di Apple). Per chi non lo sapesse, si tratta di uno standard comune che consente di avere un collegamento con altri dispositivi (Android e non) con cui scambiare informazioni e dati con una larghezza di banda maggiore rispetto al Bluetooth. L’idea più promettente per questo standard è l’utilizzo futuro in combinazione con dispositivi IoT per cose come lo sblocco di porte o automobili intelligenti.

VIA