Home > News su Android, tutte le novità > YouTube Music fa capolino su Android TV in maniera poco elegante

YouTube Music fa capolino su Android TV in maniera poco elegante

YouTube Music

Con Google che punta ormai tutto su YouTube Music per la propria offerta sul fronte dello streaming musicale (sospendendo del tutto Play Music), è lecito attendersi che l’applicazione ufficiale arrivi su tutte le piattaforme sviluppate dall’azienda. Questo fino ad ora è stato veritiero tranne che per Android TV, dove non c’è ancora la presenza di YouTube Music.

Attraverso però un aggiornamento lato server, Google ha attivato per alcuni un nuovo tab all’interno dell’app YouTube su Android TV aggiungendo proprio il supporto a YouTube Music, con tanto di logo ufficiale. Non si tratta dunque di un’app a sé stante come avviene su Android e iOS ma è integrata all’interno dell’app principale.

YouTube Music su Android TV

All’interno del nuovo tab “Musica”, coloro che hanno ricevuto l’aggiornamento possono usufruire di alcune funzioni, fra cui:

  • Musica che ti piace: include “I tuoi Mi piace” e playlist di altri utenti a cui ci si è abbonati.
  • Musica per te: include “Il tuo mix”, “I tuoi Mi piace” e “Scopri il mix”.
  • Stazioni di genere e umore per te: non contiene tutti i nuovi generi presenti nell’app Android, ma ha una discreta selezione personalizzata.
  • Le tue playlist musicali: queste sono alcune delle playlist che sono state create (stranamente non tutte vengono mostrate).
  • Stazioni di artisti per te: in base alle abitudini e ai gusti di ascolto, vengono suggerite delle playlist.

Sebbene sarebbe da preferire un’app stand alone di YouTube Music su Android TV, anche così è già un passo in avanti, anche se mancano diverse funzioni molto importanti, come ad esempio:

  • Riproduzione offline
  • Riproduzione casuale
  • Tasto per attivare/disattivare i video musicali
  • Nessuno strumento per personalizzare le playlist
  • Nessun accesso alla musica caricata personalmente
  • Niente testi sincronizzati con la musica

Insomma, si tratta ancora di un’integrazione acerba e che ci auguriamo non definitiva del nuovo servizio di streaming musicale.

VIA