Home > News su Android, tutte le novità > Telegram aggiornato alla versione 6.0 | Novità

Telegram aggiornato alla versione 6.0 | Novità

Telegram 6.0

A distanza di un paio di mesi dall’ultimo aggiornamento, gli sviluppatori di Telegram hanno rilasciato l’update alla versione 6.0 sia per Android che per iOS con il chiaro scopo di rendere più semplice la gestione delle varie chat.

La novità principale di Telegram 6.0 è la cartella della chat. Le cartelle, che possono essere create nel menu delle impostazioni di Telegram, possono comprendere uno dei numerosi componenti predefiniti come canali, robot, annunci personali e altri, ma sospettiamo che la maggior parte degli utenti trascorrerà del tempo a creare cartelle personalizzate riempite con le chat e i canali che desiderano.

Le cartelle possono avere un numero illimitato di chat bloccate e possono apparire in schede nella parte superiore dello schermo. Precisiamo che le cartelle di chat si sincronizzeranno con Telegram Desktop.

Un’altra novità di questo aggiornamento è l’archiviazione, in cui gli utenti sono in grado di nascondere dal feed le chat meno importanti fino a quando non viene visualizzata una nuova notifica. Gli utenti Android potranno premere a lungo e selezionare in blocco le chat, quindi premere il nuovo pulsante di archiviazione.

Infine, durante la registrazione di un messaggio vocale o video, gli utenti saranno in grado di verificare quanto il suono è forte mediante una nuova animazione del fonometro direttamente sul pulsante di acquisizione.

Nel caso non aveste ancora ricevuto la notifica di aggiornamento sul vostro smartphone, vi basterà cliccare sul link sottostante che vi riporterà direttamente sulla pagina dedicata del Play Store.

In alternativa, potete scaricare il file APK da installare manualmente (magari se state provando qualche ROM senza accesso ai Google Play Services) attraverso il seguente link. Ricordate però di attivare i permessi per l’installazione di app provenienti da fonti sconosciute, ovvero tutte quelle scaricate al di fuori del Play Store.

VIA  FONTE