Home > News su Android, tutte le novità > Microsoft ammette: “Android è il miglior OS su dispositivi mobile”

Microsoft ammette: “Android è il miglior OS su dispositivi mobile”

Microsoft Surface Duo

Con la presentazione del nuovo Surface Duo a doppio display di Microsoft abbiamo scoperto che il colosso americano ha finalmente deciso di adottare il sistema operativo Android su uno dei suoi dispositivi.

Surface Duo modella la filosofia del design ibrido che ha reso la linea Surface così popolare in un dispositivo a doppio schermo con una cerniera a 360 gradi nel mezzo. È una risposta intrigante ai complicati design degli smartphone con display flessibile di Samsung, Huawei e Motorola ma, soprattutto, è il primo dispositivo di Microsoft basato su Android. 

Secondo Panos Panay, Chief Product Officer per il gruppo Microsoft Devices, la decisione di adottare Andrid è stata necessaria perché è il “miglior sistema operativo in ambito mobile“. Ciò significa che Microsoft fondamentalmente ha gettato la spugna nel tentativo di realizzare una qualche versione di Windows per un dispositivo mobile. Tuttavia, proseguirà nel tentativo di “colonizzare Android” con le proprie app lavorative.

Sistema operativo Android ma con anima Microsoft

Microsoft Surface Duo

Il Surface Duo arriverà inevitabilmente con il browser web Edge, una suite completa di app Office, così come l’accesso diretto al motore di ricerca Bing. Nonostante ciò, per poter avere accesso al Play Store, Microsoft dovrà necessariamente integrare alcune delle principali Google Apps direttamente sulla schermata principale. 

Ricordiamo poi che al momento i dettagli sulle specifiche tecniche del nuovo dispositivo sono molto scarsi, dato che quello mostrato all’evento di presentazione era una sorta di prototipo. La versione definitiva non arriverà se non nel periodo natalizio del 2020, per cui fra un anno.

La versione mostrata all’evento è dotata di un SoC Qualcomm Snapdragon 855 ma non dovrebbero esserci problemi nell’adottare la versione successiva, lo Snapdragon 865, vista l’uscita a fine 2020.

VIA