Home > News su Android, tutte le novità > Le novità di Google Lens al Google I/O 2018, la massima espressione delle capacità della AI

Le novità di Google Lens al Google I/O 2018, la massima espressione delle capacità della AI

Google Lens

Nonostante Google Assistant sia considerata la colonna portante della maggior parte dei servizi offerti dal colosso americano, al suo fianco si trova Google Lens che, soprattutto con le novità annunciate in questi giorni al Google I/O 2018, è da considerarsi la massima espressione della AI di Google.

La nuova versione aggiunge la selezione intelligente del testo, una funzione chiamata Style Match di “corrispondenza dello stile” per aiutare a cercare elementi simili (l’esempio perfetto è negli abiti) e una modalità di ricerca in tempo reale che può generare in modo proattivo le informazioni all’istante.

La nuova funzione di selezione del testo intelligente può essere utilizzata in una serie di situazioni diverse. L’idea è di puntare la fotocamera su un testo, che sia un segnale stradale, un menu di un ristorante o persino un documento completo.

Uno degli esempi di ieri ha mostrato un menu di cibi in cui la persona poteva toccare una parola sullo schermo e ottenere una ricerca Google su che cos’è, come appare e quali ingredienti ci sono dentro. Un altro esempio ha mostrato quanto sia facile e veloce catturare un intero documento cartaceo e trasformarlo in PDF semplicemente puntando la fotocamera su di esso per un paio di secondi.

Per quanto riguarda il funzionamento di Google Lens in tempo reale, basta aprirlo e puntare lo smartphone verso vari oggetti intorno. Appariranno puntini minuscoli su determinati elementi mentre Google Lens cerca di capire di cosa si tratta, e posizionerà anche un punto colorato su cose che pensa di aver identificato. Si potrà quindi toccare quel punto per visualizzare le informazioni sull’oggetto che si sta attualmente guardando.

Google Lens

Queste sono solo alcune delle nuove funzionalità che appariranno su Google Lens dalle prossime settimane. Il tutto verrà integrato direttamente nelle applicazioni della fotocamera sui dispositivi supportati da LG, Motorola, Xiaomi, Sony Mobile, HMD / Nokia, Transsion, TCL, OnePlus, BQ, Asus e, naturalmente, Google.

VIA  FONTE