Home > Accessori > Google sta sviluppando il suo AirTag, nome in codice “grogu”

Google sta sviluppando il suo AirTag, nome in codice “grogu”

Google AirTag grogu

Quando parliamo di ecosistemi di smartphone, tutti sono pronti a confrontare i telefoni Google Pixel con Apple e i suoi iPhone, ma per quanto riguarda i loro accessori? Sia Apple che Google vendono un sacco di cose come auricolari e altoparlanti intelligenti, e nel 2021 Apple ha ottenuto un successo a sorpresa con l’introduzione dei suoi tracker AirTag. Ora sembra che Google potrebbe avere in programma di lanciare un proprio tracker molto simile.

I tracker wireless non sono una novità e aziende come Tile sviluppano questo tipo di accessori da anni. Anche Samsung è entrata in azione con i propri SmartTag. Ma come abbiamo visto così tante volte prima, ci è voluto il coinvolgimento di Apple prima che qualcuno iniziasse davvero a prestare attenzione. Adesso, l’esperto di Android Mishaal Rahman ha condiviso alcune delle sue ultime scoperte, mentre Fast Pair di Google si prepara ad aggiungere il supporto per un nuovo tipo di prodotto “tag di localizzazione”.

Le prove esistenti avevano già indicato che Google stesse lavorando su una rete di tracciamento distribuita simile a quella utilizzata da Apple per AirTag, che potrebbe arrivare con il marchio “Finder Network”. Con tutto questo sul tavolo, lo sviluppatore e leaker Kuba Wojciechowski ha giocato l’ultima carta: Grogu.

Secondo Wojciechowski, il team Nest di Google ha lavorato su un dispositivo con nome in codice “grogu”, “groguaudio” o “GR10”, che supporterebbe sia il BLE che l’UWB. Sarebbe caratterizzato da un piccolo altoparlante interno (probabilmente solo per gli avvisi) e sarebbe stato prodotto in una varietà di colori, ma per il momento è tutto ciò che abbiamo sentito sull’hardware stesso.

Per quanto riguarda ciò che Google potrebbe aver intenzione di fare con questo “AirTag”, ne sappiamo ancora meno, ma il sentimento prevalente sembra suggerire che mentre potremmo ottenere la conferma dell’esistenza di Grogu nella prima metà dell’anno, insieme con Pixel 8 e a qualsiasi altra cosa Google stia pianificando per l’I/O.

Considerando l’incubo della privacy che gli AirTag hanno finito per essere per Apple, forse prendersi un po’ di tempo in più per riflettere su alcuni di questi possibili scenari e sviluppare in modo proattivo misure protettive potrebbe essere una mossa intelligente per Google, dopo tutto.

via