Home > News su Android, tutte le novità > Papers, Please: gioco distopico sulla burocrazia è in arrivo su Android e iOS il 5 agosto

Papers, Please: gioco distopico sulla burocrazia è in arrivo su Android e iOS il 5 agosto

Papers, Please

Lucas Pope è uno degli sviluppatori di giochi indie più prolifici in circolazione. La maggior parte dei grandi progetti che ha prodotto sono stati originariamente realizzati per jam di giochi di 48 ore come Ludum Dare. Tuttavia, il suo gioco più popolare è venuto fuori da uno sforzo molto più lungo (9 mesi) e più faticoso. “Papers, Please” è stato progettato per mettere i giocatori alla prova schiacciante di accettare e rifiutare i viaggiatori e gli immigrati diretti a casa che attraversano la Repubblica di Arstotzka.

È stato originariamente rilasciato per client desktop quasi un decennio fa. Che momento perfetto, quindi, per ripubblicarlo per dispositivi mobili. Pope ha twittato che “Papers, Please” uscirà per dispositivi mobili il 5 agosto.

Il sito Web dedicato al gioco chiarisce che sarà disponibile sia per dispositivi Android (Play Store) che iOS (App Store). Ancora nessuna parola sui prezzi, ma se voleste una copia per macOS, Windows e Linux, sarebbe 10 euro.

Tuttavia, non vediamo l’ora che una nuova generazione di giocatori possa conoscere la sensazione di situazioni di vita o di morte attraverso la lente del terrore burocratico. Lo sviluppatore ha pubblicato un tweet di follow-up in cui menziona che una versione per console era “sulla buona strada” per il 2031.

Di recente (beh, se considerate il 2018 “recente”) ha pubblicato “Il ritorno dell’Obra Dinn”, quella che è stata soprannominata “un’avventura assicurativa” per gli spavaldi del 19° secolo. Quel gioco è compatibile con Nintendo Switch, PS5 e Xbox One. Nel frattempo, se state cercando qualcosa della stessa atmosfera da poter scaricare e giocare sul vostro smartphone o tablet già subito, perché non provare The Westport Independent: è un simulatore di censura simile a “The Republia Times” di Pope che serve come prequel di “Papers, Please”.