Home > News su Android, tutte le novità > Magisk 25.0 ufficiale | Download e Novità

Magisk 25.0 ufficiale | Download e Novità

Magisk v25.0

Lo strumento di root Magisk potrebbe non essere potente come una volta da quando Magisk Hide è quasi morto, ma finché non ci si affida alle app di cui si ha bisogno per nascondere lo stato di root del tuo telefono Android (come quelle bancarie), è comunque fantastico e si ottiene un maggiore controllo sul dispositivo. E ora, lo strumento ha ricevuto un grande aggiornamento, con il rilascio di Magisk 25.0, che comprende una riscrittura completa di come il software si inizializza durante il processo di avvio.

Come lo sviluppatore di Magisk John Wu (da diversi mesi assunto da Google) ha condiviso nelle note di rilascio della versione beta di Magisk 25.0, gran parte di magiskinit è stata riscritta. Il problema è che da Android 8 e dall’introduzione di Project Treble, è stato sempre più difficile mantenere un codice pulito di fronte a strutture di archiviazione dei file sempre più complesse e più azioni durante il processo di avvio. Wu che ha ammesso che nessuna singola persona, incluso se stesso, ha veramente capito come funziona magiskinit.

Con questo software sempre più difficile da mantenere, era tempo di una riscrittura completa. Wu osserva che poiché si tratta di una modifica significativa al modo in cui Magisk esegue l’hot patch di un dispositivo durante il processo di avvio, gli sviluppatori di app che richiedono il root dovranno organizzarsi con alcune modifiche.

Per un approfondimento più tecnico, assicuratevi di controllare le note di rilascio.

Un altro grande cambiamento arriva sotto forma di miglioramenti alla sicurezza dei superuser, ovvero il modo in cui Magisk concede i permessi di root è stato migliorato. Il sistema riscritto rende più difficile per il codice dannoso sfruttare i privilegi di root, utilizzando un nuovo sistema di tracciamento dei pacchetti e una nuova verifica della firma APK del root manager che ha lo scopo di fermare le mod non ufficiali dell’app Magisk, poiché Wu le considera un problema di sicurezza.

Poiché Magisk ha un accesso completo e non controllato al root di Android, un’app Magisk modificata potrebbe potenzialmente aprire backdoor sul dispositivo. L’obiettivo qui non è bloccare gli utenti nell’app Magisk ufficiale, ma piuttosto garantire che sia l’implementazione root sottostante che l’app Magisk stessa provengano dallo stesso fornitore.

Wu osserva che gli sviluppatori possono firmare le proprie chiavi per fornire alternative all’implementazione ufficiale di Magisk e ci sono build di debug ufficiali che saltano qualsiasi verifica della firma per lo sviluppo.

Oltre a questi grandi cambiamenti, Magisk v25.0 aggiunge anche alcuni aggiornamenti minori. Ora supporta le immagini del kernel generiche (GSI) di Android 13, consentendo di eseguire il root sull’ultima versione del sistema operativo di Google. Anche Oculus Go è ora nell’elenco dei dispositivi supportati.

VIA