Home > News su Android, tutte le novità > Qualcomm annuncia due nuovi modem 5G rivoluzionari

Qualcomm annuncia due nuovi modem 5G rivoluzionari

Qualcomm Snapdragon X65 e X62

Qualcomm ha annunciato due nuovi modem 5G che promettono il supporto per le frequenze emergenti. I nuovi modem Qualcomm Snapdragon X65 e X62 non saranno disponibili fino alla fine di quest’anno, il che probabilmente significa che non saranno nei top di gamma Android (o negli iPhone di Apple) fino al 2022, in concomitanza con il SoC di nuova generazione di Qualcomm.

Quando saranno disponibili, però, supporteranno alcune delle caratteristiche chiave previste dal 5G. Oltre ai miglioramenti di velocità previsti (l’X65 può raggiungere una velocità teorica di 10 Gbit/s), i nuovi modem hanno un’architettura aggiornabile che implementerà nel tempo nuove funzionalità 5G da un nuovo set di standard, senza necessità di aggiornamento hardware.

Qualcomm Snapdragon X65 e X62

La possibilità di aggiornamento in corsa è davvero interessante, soprattutto perché siamo in un periodo di transizione, in cui il 5G è ancora in fase di estensione (qui la mappa delle città italiane già coperte dalla rete 5G).

La nuova coppia di modem Qualcomm Snapdragon X65 e X62 promette già il supporto per le nuove funzionalità 3GPP Release 16, a cui potete pensare come la seconda grande ondata di standard 5G. 

Come detto, il Qualcomm Snapdragon X65 raggiunge una velocità massima teorica di 10 gigabit, mentre il più piccolo X62 raggiunge “solo” 4,4 gigabit. Naturalmente, questi sono numeri da laboratorio che non si vedranno mai in città, ma dovrebbero comunque tradursi in prestazioni generali migliorate.

Lo Snapdragon X65 può apparentemente aggregare dieci canali mmWave da 100MHz, più 300Mhz extra tramite quattro canali sub-6.

È importante sottolineare che è anche più probabile che supporti le frequenze 5G che gli operatori utilizzeranno il prossimo anno e l’anno dopo ancora, non solo quelle di oggi.

Qualcomm afferma inoltre che i due nuovi modem sono i primi a utilizzare l’intelligenza artificiale per mettere a punto i propri sistemi di antenne, il che può significare vantaggi da velocità più elevate a meno interferenze. Supporteranno anche la nuova banda n259 mmWave (tramite un nuovo modulo antenna). 

VIA  FONTE