Home > News su Android, tutte le novità > Android 11 e fotocamera: rimossa una funzione su cui molte app fanno affidamento

Android 11 e fotocamera: rimossa una funzione su cui molte app fanno affidamento

Android 11

Nonostante Android 11 introduca diverse nuove funzioni che vanno a migliorare molto l’esperienza utente, soprattutto in settori fondamentali come la privacy e la sicurezza, gli sviluppatori sembrano aver fatto anche qualche passo indietro.

Ogni importante aggiornamento dell’ultimo decennio ha bloccato funzionalità o aggiunto restrizioni nel nome della protezione degli utenti, ma alcuni sacrifici potrebbero non essere stati del tutto necessari. Con Android 11, ad esempio, è stata tolta la possibilità per gli utenti di selezionare come predefinite le app fotocamera di terze parti per scattare foto o video per conto di altre app, costringendo a fare affidamento solo sull’app fotocamera integrata.

Al centro di questo cambiamento c’è uno dei tratti distintivi di Android: il sistema Intent. Supponiamo che si debba scattare una foto di una tazza da caffè nuova da vendere tramite un’app per aste (eBay ad esempio): poiché l’app per le aste non è stata creata per la fotografia, lo sviluppatore ha scelto di sfruttare le API di un’app per fotocamera adeguata. È qui che entra in gioco il sistema Intent. Gli sviluppatori creano semplicemente una richiesta con alcuni criteri e Android chiederà agli utenti di scegliere da un elenco di app installate per svolgere il lavoro.

Con Android 11 però questa scelta viene rimossa del tutto, lasciando che le app che fanno richiesta di aprire un’app fotocamera si possano affidare solamente a quella pre-installata di fabbrica.

Google descrive il cambiamento in un elenco di novità in Android 11 e lo ha ulteriormente confermato nel suo Issue Tracker. La privacy e la sicurezza sono citate come ragioni, ma non si discute su cosa abbia reso tali intenti pericolosi. Forse alcuni utenti sono stati indotti a impostare un’app per fotocamera dannosa come predefinita e quindi utilizzarla per acquisire elementi che avrebbero dovuto rimanere privati?

Ad ogni modo, le principali app di chat (WhatsApp in primis) e di social network hanno tutte sviluppato una funzione fotografica interna, per cui per esse non vi sarà alcun problema.

VIA