Home > News su Android, tutte le novità > OneUi 2.1 e patch di giugno in rilascio su Samsung Galaxy S9

OneUi 2.1 e patch di giugno in rilascio su Samsung Galaxy S9

Samsung Galaxy S9 e Galaxy S9+

Gli sviluppatori di Samsung hanno avviato il rollout di un nuovo aggiornamento per l’ex top di gamma Galaxy S9 introducendo non solo la OneUI 2.1 (la stessa ROM presente sui Galaxy S20) ma anche le patch di sicurezza di giugno.

Al di fuori della gamma Google Pixel, l’aggiornamento di sicurezza di giugno ha raggiunto solo pochi smartphone al momento, per cui il fatto che il Galaxy S9 sia fra i primi è senza dubbio un’ottima notizia per i possessori. Tra le principali novità, l’ultima build porta varie modifiche legate alle modalità fotografiche, come Single Take, I miei filtri e video Pro, insieme a una funzione chiamata AR Zone che consolida l’intera offerta AR. A proposito, Samsung ha anche migliorato le capacità di AR Emoji con un migliore riconoscimento facciale e un’opzione per l’editing manuale.

Ma le novità non sono finite qui. Dopo questo aggiornamento, è possibile accedere a una visualizzazione Galleria più pulita e organizzata, grazie al raggruppamento automatico migliorato di foto e album. Samsung sta inoltre aggiungendo una funzione di condivisione file simile ad AirDrop chiamata Quick Share e che ha fatto il suo esordio con il Galaxy S20 (purtroppo funziona solo con altri smartphone Galaxy compatibili). Infine, è possibile fare traduzioni multilingue con la tastiera preinstallata.

Quello in rilascio è un grande aggiornamento che pesa tra 1,12 GB e 2 GB a seconda della variante di Galaxy S9 e della regione. Finora, solo quelli in Germania (G96xFXXU9ETF5) e Corea del Sud (G96xNKSU3ETF4) hanno ricevuto la build One UI 2.1 ma ci aspettiamo che i modelli italiani vengano aggiornati nelle prossime ore (l’attesa potrebbe essere superiore, come al solito, per i modelli brandizzati dagli operatori).

Non ci stupiremmo se questa OneUI 2.1 fosse l’ultimo principale aggiornamento che il top di gamma Galaxy del 2018 riceverà, dal momento che si sta apprestando alla conclusione del ciclo di aggiornamenti di due anni.

VIA