Home > News su Android, tutte le novità > Google Meet sfrutta il momento e supera 50 milioni di download sul Play Store

Google Meet sfrutta il momento e supera 50 milioni di download sul Play Store

Google Meet

Una delle conseguenze del lockdown generale che abbiamo vissuto da qualche settimana a questa parte è la chiusura delle scuole e degli uffici. Ciò significa che molte delle riunioni o, nel caso scolastico, delle lezioni, si sono trasformate in virtuali. E non è un caso allora che le due principali applicazioni ad aver visto una crescita incredibile sul Play Store sono Zoom e Google Meet

L’app sviluppata da Google ha ancora molta strada da fare per raggiungere i numeri di Zoom ma, almeno nel Play Store, ha appena superato il traguardo molto importante dei 50 milioni di download.

L’app è diventata sempre più popolare a partire da marzo, come dimostrano i dati di AppBrain. Ha superato 5 milioni di installazioni all’inizio di marzo, quindi ha superato rapidamente 10 milioni e 20 milioni nei giorni successivi, fino a superare quota 50 milioni nelle ultime ore. Il servizio era gratuito esclusivamente per gli utenti di GSuite ma, vedendo l’incredibile successo, la società ha annunciato che lo avrebbe reso disponibile gratuitamente per tutti.

Per chi non lo sapesse, Google Meet permette di:

  • Ospitare riunioni video illimitate in alta definizione
  • Utilizzare Meet in sicurezza: le riunioni video sono criptate in transito e le misure proattive antiabuso garantiscono la sicurezza delle tue riunioni
  • Accesso facile: basta condividere un link e gli invitati potranno partecipare con un solo clic da un browser web desktop o tramite l’app per dispositivi mobili Google Meet
  • Condividere il tuo schermo per presentare documenti, presentazioni e molto altro
  • Sottotitoli in tempo reale powered by Google con tecnologia di conversione della voce in testo

Nel caso non aveste ancora scaricato l’app, vi basterà cliccare sul link sottostante che vi riporterà direttamente sulla pagina dedicata del Play Store:

VIA  FONTE