Home > News su Android, tutte le novità > Il riconoscimento vocale di Google Assistant sta per diventare più personalizzato

Il riconoscimento vocale di Google Assistant sta per diventare più personalizzato

Dettatura vocale Gboard Google Assistant

Il riconoscimento vocale è uno di quei miracoli della tecnologia moderna che diamo facilmente per scontato. Aiuta a rendere possibile Google Assistant e, sebbene sia abbastanza buono per raccogliere ciò che si dice e dare risposte puntuali, a volte può ancora avere difficoltà a capire cosa si vuole comunicare. Fortunatamente, Google sta apparentemente lavorando a una soluzione personalizzata per ogni utente.

Insieme a Password Checkup, l’ultimo aggiornamento dell’app Google include alcune stringhe sul “riconoscimento vocale personalizzato” per Assistant, come notato da 9to5Google in un’analisi del codice APK. Una volta che sarà disponibile, l’intenzione è che l’app inizi a memorizzare l’audio sul telefono per modificare il modello di riconoscimento vocale e adattarlo al modo in cui l’utente parla, nonché alle domande frequenti.

Sarebbe come una sorta di estensione del modello di apprendimento federato dell’assistente per la parola chiave Hey Google, introdotta a marzo 2021, per il resto delle query dell’assistente. Disattivando questa nuova opzione, verrebbe visualizzato il seguente testo: “Se lo disattivi, l’assistente sarà meno preciso nel riconoscere i nomi e le altre parole che dici frequentemente. Tutto l’audio utilizzato per migliorare il riconoscimento vocale per te verrà eliminato da questo dispositivo.”

I vantaggi di provare qualcosa del genere sembrano evidenti. Sebbene Assistant abbia funzionato abbastanza bene finora con i suoi modelli di riconoscimento vocale esistenti, ci sono più variazioni nel parlato rispetto ai semplici accenti e avere un modello vocale che si migliora costantemente in base a ciò che sente è probabilmente l’approccio migliore. Inoltre, i nomi propri come i nomi possono essere più difficili da raccogliere rispetto ad altre parole, il che può essere un problema se usi l’assistente per inviare messaggi o chiamare i contatti.

Questo fa probabilmente parte degli sforzi di Google per rendere più naturali le conversazioni con l’assistente, un’iniziativa di cui l’azienda ha parlato durante Google I/O 2022. In questo momento, però, questa funzione non è disponibile: dopotutto è stata scoperta durante un’analisi approfondita del codice. Ma se tutto va bene, potremmo avere la possibilità di provarla nei prossimi mesi.

VIA