Home > News su Android, tutte le novità > Android TV annunciato nella versione basata su Android 11

Android TV annunciato nella versione basata su Android 11

Android TV Android 11

A lungo bistrattato per una UI non proprio ottimale e delle prestazioni rivedibili, Android TV sta piano piano conquistando quote di mercato arrivando a competere con Tizen di Samsung e webOS di LG per disponibilità (avendo il vantaggio di non essere agnostico alle varie piattaforme). Il suo sviluppo è finalmente arrivato in pari a quello del sistema operativo per smartphone, con Google che ha annunciato Android TV nella sua versione basata su Android 11.

Probabilmente l’annuncio serve ad anticipare le novità hardware che il colosso americano ha in serbo per noi sotto forma della nuova Chromecast che, apparentemente, si chiamerà Google TV.

Android TV

Le novità della nuova versione di Android TV non sono rivoluzionarie, soprattutto sul fronte dell’interfaccia grafica.

Nell’articolo presente sul blog ufficiale di Android, gli sviluppatori spiegano quali sono le novità della nuova versione:

Android TV continua a portare molti dei vantaggi offerti dall’aggiornamento principale di Android alla TV. Con Android 11, vengono introdotti miglioramenti delle prestazioni, come una migliore gestione della memoria e funzionalità per la privacy, le autorizzazioni una tantum, e altre migliorie per garantire che i dispositivi funzionino in modo rapido e sicuro. Su misura per la TV, Android 11 enfatizza la riproduzione dei media offrendo il supporto per la modalità Auto Low Latency Mode (ALLM) e la decodifica dei media a bassa latenza, insieme a un nuovo Tuner Framework con supporto Media CAS aggiornato ed estensioni all’implementazione HAL di HDMI CEC.

Oltre a queste novità, il nuovo OS basato su Android 11 introduce una migliore integrazione con accessori vari, come ad esempio il controller della Nintendo Switch.

A questo punto ci chiediamo se Nvidia vorrà far fare un altro passo in avanti al suo set-top-box Shield TV dopo il rilascio del 25° aggiornamento.

FONTE