Home > Giochi Android > Cloverplay aggiunge i controlli touch a Google Stadia e Microsoft xCloud

Cloverplay aggiunge i controlli touch a Google Stadia e Microsoft xCloud

Cloverplay

Qualche settimana fa vi abbiamo parlato di un’applicazione molto interessante chiamata TouchStadia, che permette di aggiungere i controlli touch per giocare ai titoli di Google Stadia, eliminando il bisogno di un controller. Adesso vogliamo fare il bis parlandovi di Cloverplay, un’app simile che aggiunge i controlli touch anche a Microsoft xCloud (in arrivo in beta nel mercato italiano).

TouchStadia può funzionare senza accesso root e solo quando si gioca ai giochi Stadia tramite il browser mobile. In confronto, Cloverplay funziona con l’app ufficiale di Google Stadia e supporta anche Microsoft xCloud.

Lo sviluppatore ha anche riassunto i vantaggi e gli svantaggi di Cloverplay rispetto a TouchStadia:

Vantaggi di TouchStadia rispetto a Cloverplay:

  • Funziona su qualsiasi dispositivo. (Puoi usare Xtadia su Android per far funzionare Stadia su dispositivi non approvati ufficialmente, ma Xposed è necessario per farlo funzionare)
  • Non è richiesto l’accesso root
  • Può essere combinato con Stadia+ se si utilizza un browser che supporta le estensioni (ad esempio Yandex)
  • Supporta layout di controllo personalizzati

Vantaggi di Cloverplay rispetto a TouchStadia:

  • Consente di utilizzare l’app ufficiale (questo tende a produrre IME leggermente migliori)
  • Funziona con xCloud
  • Significativamente più facile da usare (non sono richiesti script di copia o estensioni personalizzate)
  • I joystick sono visibili senza incorrere in ritardi aggiuntivi
  • Ha il supporto per l’assistente specifico di Stadia e i pulsanti per gli screenshot

L’app Cloverplay è disponibile sugli XDA Labs ed ha un costo di 1,99 euro. Lo sviluppatore però offre una prova gratuita di 2 giorni.

Prima di lasciarvi, vi vogliamo ricordare che Google Stadia Pro è disponibile in maniera gratuita per i primi due mesi. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo al nostro articolo di approfondimento.