Home > News su Android, tutte le novità > Google Lens arriva in aiuto di tutti gli studenti di matematica

Google Lens arriva in aiuto di tutti gli studenti di matematica

Google Lens aiuto scuola

Seppur non spesso menzionato come Assistant, Google Lens rappresenta l’altra colonna portante dell’ecosistema software del colosso americano. In esso infatti rientra tutta la Ricerca & Sviluppo in merito al machine learning, alla computer vision e all’intelligenza artificiale. Nelle scorse ore, poi, il servizio è diventato ancora più utile arricchendosi di funzioni che aiutano gli studenti a risolvere equazioni e altri problemi matematici.

Google sta evidenziando questa nuova funzionalità come un modo per fornire un apprendimento pratico e più utile. Invece di cercare semplicemente su Google un problema di matematica e ottenere una risposta immediata, Google Lens può mostrare istruzioni dettagliate su come è stato ottenuto il risultato, mostrando l’intero procedimento.

Google Lens sarà probabilmente più utile quando si tratta di questioni relative alle aree della matematica e delle scienze, ma può anche fornire schede informative su altre aree educative.

Il teardown dell’app Lens di maggio ci ha fornito un teaser per queste funzionalità, ma ora stanno venendo lanciate ampiamente. Queste nuove funzionalità sono collegate a Socratic, l’app di supporto per i compiti che Google ha acquistato e rilanciato all’inizio di quest’anno. In effetti, Socratic offrirà la stessa nuova esperienza passo-passo che Lens sta integrando, anche se Lens sarà probabilmente il modo più veloce per ottenere aiuto (soprattutto se inserito di default nell’app fotocamera predefinita.

Nel caso foste interessati a provare sin da subito la nuova funzionalità, vi basterà cliccare sul link sottostante che vi riporterà direttamente sulla pagina dedicata del Play Store:

In alternativa, potete scaricare il file APK da installare manualmente (magari se state provando qualche ROM senza accesso ai Google Play Services) attraverso il seguente link. Ricordate però di attivare i permessi per l’installazione di app provenienti da fonti sconosciute, ovvero tutte quelle scaricate al di fuori del Play Store.

VIA