Home > Giochi Android > Google Stadia si aggiorna col supporto all’audio 5.1 e al controller virtuale su Chrome

Google Stadia si aggiorna col supporto all’audio 5.1 e al controller virtuale su Chrome

Google Stadia Buddy Pass

Gli sviluppatori di Google hanno appena rilasciato un nuovo aggiornamento del servizio di game streaming Google Stadia introducendo alcune novità che saranno sicuramente molto apprezzate dagli utenti Pro (il cui abbonamento è gratis per 2 mesi).

Le novità apportate a Google Stadia sono essenzialmente 3, di cui due riguardanti l’esperienza web e una riguardante l’esperienza da smartphone:

  • Supporto al suono surround 5.1 su web
  • Supporto al controller virtuale su Chrome
  • Notifiche di stato per la qualità della connessione su smartphone

https://twitter.com/GoogleStadia/status/1250862988841517056

Google afferma che le tre modifiche fanno parte dell’aggiornamento Stadia 1.45, anche se è la prima volta che sentiamo parlare di un sistema di versioni per Stadia.

Sebbene l’audio surround 5.1 fosse disponibile in precedenza su altre piattaforme (come quando si utilizza un Chromecast), non funzionava durante lo streaming via web. Si tratta senza dubbio della migliore aggiunta di questo aggiornamento.

Con la nuova interfaccia su schermo per i gamepad sarete in grado di utilizzare il controller per l’input anche quando giocate tramite Chrome. Anche se il computer probabilmente ha una tastiera reale con la quale giocare, è bello avere l’opzione per poter usare i controller.

Infine, le nuove notifiche saranno utili per determinare se la qualità della connessione è la causa in caso di problemi durante la riproduzione dei giochi sullo smartphone.

Per poter ottenere queste novità non abbiamo nulla di nuovo da farvi scaricare, visto che l’aggiornamento sta venendo rilasciato lato server.

Ad ogni modo, prima di lasciarvi vi vogliamo ricordare che i vari Google Stadia, PlayStation Now e Nvidia GeForce Now presto avranno due concorrenti di assoluto spessore: Microsoft col suo Project xCloud (già in fase beta) e Amazon col suo Project Tempo.

VIA  FONTE