Home > News su Android, tutte le novità > Moto Razr flessibile ufficiale: il ritorno di un mito in salsa 2.0

Moto Razr flessibile ufficiale: il ritorno di un mito in salsa 2.0

Moto Razr

Considerato uno dei primi telefoni cellulari sottili e dall’aspetto molto attraente, il Moto Razr ha rappresentato un’icona per tutti gli appassionati di tecnologia lo scorso decennio. Come anticipato ormai da diverse settimane, Lenovo (azienda che è proprietaria di Motorola) ha lavorato molto sulla realizzazione di un Moto Razr flessibile ed ora è stato presentato ufficialmente.

A differenza degli altri smartphone flessibili che abbiamo visto nel 2019, il Moto Razr non è proprio un top di gamma. Lenovo infatti ha deciso di “giocare sul sicuro” e, vista l’estetica molto sottile e particolare, non ha voluto rischiare di equipaggiare SoC molto potenti per via di una dissipazione non ottimale. E quindi al suo interno troviamo il SoC Qualcomm Snapdragon 710 abbinato a 6 GB di RAM e a 128 GB di memoria interna.

Ma il vero cavallo di battaglia di questo smartphone è senza dubbio il display flessibile da 6,2 pollici con aspetto di forma 21:9 che, grazie a una serie di cerniere di cui Lenovo va molto orgogliosa, permette di piegarlo sul lato corto senza tra l’altro presentare alcun segno sulla parte centrale.

Moto Razr 

A differenza quindi degli altri modelli che da smartphone si trasformano in tablet, il Moto Razr si trasforma da uno smartphone a un dispositivo ancora più piccolo e tascabile.

Considerando che la piega è verso l’interno, Lenovo ha inserito un display secondario da 2,7 pollici con risoluzione 800 x 600 pixel che consente di vedere le notifiche, gestire la riproduzione musicale e scattare selfie con la fotocamera posteriore (singola da 16 MP).

Per quanto riguarda costi e disponibilità, al momento Lenovo ha indicato che i pre-ordini del nuovo arrivato saranno attivi dal 26 dicembre solo negli USA e in maniera esclusiva con l’operatore Verizon al prezzo di 1.499,99 dollari, mentre le spedizioni partiranno il 9 gennaio 2020.

VIA