Home > Recensioni Android > Trevi Mini sintonizzatore TV: la nostra video recensione

Trevi Mini sintonizzatore TV: la nostra video recensione

trevi mini sintonizzatore tvSiete invidiosi dei terminali orientali che integrano anche un’antenna per i programmi televisivi? Allora questo Trevi Mini sintonizzatore TV è l’accessorio che fa per voi! I tempi delle radioline per seguire la partita sono finiti,  adesso potremo vedere il digitale terreste direttamente sul nostro smartphone o il nostro tablet grazie a questo piccolo tuner con presa micro USB della casa italiana. E senza bisogno di connessione internet!

Questo Trevi Mini decoder tv/dvbt è compatibile con tutti gli smartphone e tablet Android dalla 4.0.3 in poi,con almeno un processore dual core e dotati di OTG (ulteriori informazioni a questo link)

Video recensione

Iniziamo con la nostra video prova del Trevi Mini sintonizzatore TV, dove mostriamo le funzioni che andremo ad analizzare nei successivi paragrafi.

Contenuto della confezione

Confezione ricca per questo Trevi Mini sintonizzatore TV: abbiamo, oltre al decoder stesso, anche l‘antennina estraibile, un adattatore coassiale per il cavo standard dell’antenna o per un’ eventuale antenna telescopica esterna,  un cavetto adattatore USB- Micro USB per eventuali dispositivi con presa standard e il manuale di istruzioni multi-lingua chiaro e completo. Le dimensioni del decoder sono davvero ridotte: 40 x 20 x 7 mm per 10g di peso a cui va aggiunto ovviamente l’ingombro dell’antenna. 
SDC13104

Uso e funzioni

L’utilizzo del Trevi Mini sintonizzatore TV è davvero semplice basta infatti scaricare e installare dal Play Store l’ applicazione che trovate nel box poco più sotto, collegare il decoder con applicata la sua antennina alla presa USB e ci verrà chiesto di avviare l’app appena installata. Fatto questo dovremo selezionare dall’app la nazione in cui siamo e avviare la scansione che risulta abbastanza veloce. Come anticipato, questa applicazione (e tutto l’uso del decoder in generale) non richiede una connessione web in quanto si basa solo sul segnale del digitale terrestre.

Air DTV
Air DTV
Developer: CHY Studio
Price: Free

Una volta finita la sintonizzazione avremo il numero dei canali trovati, ovviamente l’antenna in dotazione riceverà meno canali rispetto al cavo “di  casa”, e funzionerà meglio in spazi aperti, ove il segnale digitale terreste e più potente.  Ma d’altronde è un gadget studiato per la mobilità.

Il menù dell’applicazione è semplice ma completo: durante la riproduzione  abbiamo la possibilità di  registrare la trasmissione corrente usando la memoria del terminale, scattare screen di ciò che stiamo guardando, attivare i sottotitoli e gestire le opzioni audio della trasmissione, oltre a controllare l’intensità del segnale e tutte le informazioni del programma in corso.

Il software di Trevi Mini sintonizzatore TV permette inoltre di accedere alla guida dei programmi. Dal menù “impostazioni” possiamo ripetere la sintonizzazione, riordinare i canali e avere le informazioni del dispositivo.

La qualità della trasmissione ovviamente dipende dal segnale. Ma quando esso è sufficientemente potente la riproduzione è fluida e nitida, anche l’audio non presenta problemi e l’esperienza visiva è davvero ottima.

Conclusioni Trevi Mini Sintonizzatore TV

Questo apparecchio è studiato per smartphone e Tablet ma è soprattutto su questi ultimi che ne consigliamo l’utilizzo. Su uno smartphone infatti, nonostante le dimensioni ridotte del decoder, non c’è  molto spazio disponibile tra tasti, speaker ed eventuali sportellini “copri USB” . Discorso diverso per un Tablet dove, oltre al maggiore spazio fisico sfruttabile, abbiamo un’esperienza d’uso decisamente migliore data dalla diagonale superiore.

Il prezzo ufficiale  del Trevi Mini Sintonizzatore TV DT 325  è di 49€ ma potete acquistarlo ad esempio su Amazon.it mediante il box qui sotto.

In conclusione questo Mini decoder funziona bene, è pratico, poco ingombrante, non eccessivamente costoso e sopratutto va a colmare una lacuna presente su praticamente tutti i dispositivi mobili Android (almeno nel mercato occidentale), permettendoci di seguire i nostri programmi televisivi anche in mobilità da smartphone o tablet senza per forza dover ricorrere allo streaming (causa di un consumo ingente di traffico dati). Promosso!