Home > News su Android, tutte le novità > La piattaforma Newton potrebbe equipaggiare i futuri smartwatch

La piattaforma Newton potrebbe equipaggiare i futuri smartwatch

Mentre Intel si dà da fare nel progetto Edison, altri concorrenti cercano di realizzare SoC di dimensioni piccole ma comunque abbastanza potenti da essere integrati nei futuri smartwatch. Una di esse è Imagination Technologies (MIPS), che nelle scorse ore ha presentato la nuova piattaforma Newton, realizzata grazie alla partnership con Igenic.

La piattaforma Newton potrebbe equipaggiare i futuri smartwatch

Come potete vedere dall’immagine qua sopra, la dimensione di questo SoC è estremamente ridotta, dato che è grande quanto due monete. Dal punto di vista puramente tecnico, la piattaforma Newton integra al suo interno una CPU Igenic JZ4775 con frequenza di clock massima pari a 1 Ghz, caratterizzata da un’alta efficienza energetica che permetterà agli smartwatch di godere di oltre 30 ore di autonomia. Inoltre è caratterizzata da un supporto fino a 3 GB di memoria RAM (attualmente gli smartwatch non ci si avvicinano neanche lontanamente), alla riproduzione video fino a 720p, al WiFi 802.11 n, al Bluetooth 4.0 e al chip NFC.

E’ abbastanza interessante notare che la piattaforma Newton supporta anche nativamente alcuni tipi di sensori medici, come per esempio il sensore per il battito cardiaco o quello per la pressione.

Ecco che dalla corsa ai dispositivi indossabili emerge anche questo nuovo produttore, che promette di dare battaglia a tutti i big del settore, Qualcomm in primis. Vedremo come si evolverà il mercato e se i produttori daranno fiducia a Imagination Technologies.

VIA