Home > Smartphone Android > Samsung Galaxy Note 3: probabili altre due versioni, Active e Mini

Samsung Galaxy Note 3: probabili altre due versioni, Active e Mini

Samsung-Galaxy-Note-3

Samsung sembrerebbe non aver compreso la difficoltà commerciale, oltre che un rischio vero e proprio, rappresentato dall’eccessiva deframmentazione dei dispositivi lanciati sul mercato, spesso responsabili di confusione nei confronti dell’utente ostacolato nella scelta all’acquisto da un’eccessivo portfolio, talmente minuzioso da indurlo ad optare di qualcosa di altrettanto valido come i device dei principali competitors.

L’azienda coreana sta infatti pagando questa scelta con un netto calo nella vendite che avrebbe intenzione di risollevare con l’arrivo del suo Samsung Galaxy Note 3, il phablet che si propone come uno dei device più potenti sul mercato, in ottica componentistica hardware, ma che potrebbe esser vittima della medesima scelta di marketing adoperata sino ad oggi.

Secondo voci provenienti dall’azienda, lo sviluppo del device si sarebbe infatti accompagnata all’idea di renderlo disponibile in diverse versioni, recentemente identificate in 4 varianti in base al processore ed alla tipologia di display, ma che invece potrebbero duplicare, sino a ben 8 tipi, divisi stavolta per l’ampiezza, e non quindi la tecnologia ad esso legata, dello schermo.

I presunti modelli aggiuntivi dovrebbero denominarsi come Galaxy Note 3 Mini, con display da 5,5 pollici, e Galaxy Note 3 Active, con display da 6 pollici, oltre al modello standard da 5,7 pollici da presentare, come oramai noto, all’evento IFA di Berlino fissato per il mese di Settembre.

La notizia è ovviamente da considerare con le dovute precauzioni, viste anche le scarse conferme o l’assenza di elementi che ne fortificano la veridicità, nonostante tutto non sorprenderebbe a causa dei precedenti nei quali la stessa Samsung ha ammesso la diversificazione dei suoi prodotti con lo scopo di coprire ogni settore del mercato con un’intento positivo rivelatosi, quasi sempre, dannoso nell’atto pratico di commercializzazione. Non ci resta quindi che attendere l’evento ufficiale per poter capire se quanto sostenuto sarà realtà oppure un semplice vociferare nel turbine di notizie che si stanno accompagnando al phablet prima della sua presentazione.