Home > News su Android, tutte le novità > Android Q dà ufficialmente l’addio ad Android Beam

Android Q dà ufficialmente l’addio ad Android Beam

Android Q

Esattamente come vi avevamo preannunciato sul finire del 2018, Android Beam non è più supportato da Android Q. Già a partire dalla beta 1, la funzione non può essere più abilitata.

Per chi non lo sapesse, Android Beam è una funzione di condivisione che però non ha visto molto amore da parte di Google dall’uscita iniziale con Ice Cream Sandwich. Android 5.0 Lollipop l’ha aggiunto al menu di condivisione e ha incluso il supporto per l’invio di qualsiasi tipo di file. La funzione ha avuto una nuova icona in Android 5.1, ma da allora non ha ricevuto modifiche visibili.

Android Beam consente agli utenti di condividere file semplicemente abilitando il chip NFC e toccando il retro di un altro smartphone (sempre con NFC attivato). In realtà poi la condivisione avviene via Bluetooth, visto che il chip NFC è usato solo per un pairing più rapido.

Secondo una serie di commit AOSP scoperti in passato da XDA Developers, Android Beam e le relative API di accompagnamento sono diventate storia vecchia nella nuova versione di Android. Un commit ha come descrizione “Deprecate Android beam APIs and create a feature flag to gate them”. In parole povere, i produttori dovrebbero dichiarare il supporto per Android Beam, proprio come farebbero con altre caratteristiche hardware (come il chip NFC stesso).

La redazione di TechRadar ha avuto conferma dai responsabili di Google che Android Beam non tornerà.

In attesa di avere informazioni sulla possibile sostituzione di Android Beam con qualche altro sistema di condivisione di file, vi vogliamo ricordare che Google Nest Hub Max è ufficiale mentre Nest Hub sta arrivando in Italia.

VIA

SCELTI DA NOI PER TE